Home Cronaca Gli studenti del Colonna Gatti in viaggio con ‘Il treno della memoria’

Gli studenti del Colonna Gatti in viaggio con ‘Il treno della memoria’

39
0
SHARE
Treno della Memoria

Sono partiti poco fa per partecipare al progetto ‘Il treno della memoria‘, gli studenti del Colonna Gatti di Anzio e Nettuno. Un percorso educativo e culturale,  un viaggio come si legge nella brochure di presentazione, “zaino in spalle”. Non una semplice gita scolastica, bensì un circuito di cittadinanza attiva nei luoghi della memoria.

I ragazzi del Colonna Gatti si ritroveranno stasera a Milano  e nsieme ad altre scuole italiane, in pullman, raggiungeranno Praga. Dopo la visita alla Torre delle polveri, giovedì 21 febbraio gli studenti partiranno per Terezin (visita alle Fortezze) e subito dopo per Lidice.

Venerdì i ragazzi entreranno nel vivo del percorso con la partenza per Cracovia, dove sono previste le visite al Ghetto ebraico e alla Fabbrica di Schindler.

Domenica partenza a bordo del Treno della memoria, partenza per il campo di concentramento di Auschwitz e a seguire a quello di Birkenau. All’interno di quest’ultimo si tiene la consueta commemorazione dai partecipanti del viaggio, precedentemente preparata da una efficace attivitù educativa. Il rientro dei ragazzi in Italia e a Nettuno, sarà preceduta da una grande assemblea a Cracovia drante la quale gli studenti saranno chiamati a rielaborare l’esperienza vissuta; poi la comunità viaggiante si preparerà al rientro. Con una consapevolezza in più, un’esperienza che sicuramente cambierà il loro modo di vedere le cose.

L’idea del Treno della Memoria nasce nel 2004 e prende vita dalla fortissima la necessità di ragionare su una vera risposta sociale e civile da dare alle guerre e ai conflitti attraverso l’educazione alla cittadinanza attiva e la costruzione di un comune sentire di cittadinanza europea.

Ogni anno con il Treno della memoria partono oltre 150 giovani educatori volontari da tutta Italia che in questi anni di attività hanno accompagnato oltre 30 mila ragazzi.

La scelta di un vettore lento e le tante ore di viaggio divengono la distanza ed il tempo necessari a distaccarsi dal mondo da cui si è partiti per la formazione di una vera e propria comunità viaggiante composta dai partecipanti e da una rete di organizzatori ed animatori qualificati e opportunamente formati negli anni.
Il Treno della Memoria è un progetto in crescita: dall’edizione 2015, in occasione del 70° anniversario della Liberazione del Campo di Auschwitz, il progetto si è ampliato geograficamente e temporalmente: “microtappe” della durata di due giorni che, grazie alla mobilità offerta dall’autobus, precedono l’arrivo a Cracovia offrendo così ai partecipanti una esperienza educativamente e storicamente più completa. Uno straordinario viaggio lungo i sentieri della Memoria europea.

Il progetto “Treno della Memoria”, gode del riconoscimento dell’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, del Patrocinio del Parlamento Europeo, della Camera dei Deputati e del Ministero delle Politiche Giovanili.