Home In evidenza Anzio, sfiducia al sindaco: maggioranza pronta a chiedere l’inversione dell’ordine del giorno

Anzio, sfiducia al sindaco: maggioranza pronta a chiedere l’inversione dell’ordine del giorno

93
0
SHARE
Anzio, dopo sequestro Dean Pesca il M5S:

La maggioranza di centrodestra che amministra Anzio è pronta a chiedere l’inversione dei punti all’ordine del giorno per evitare il dibattito polito e la mozione di sfiducia al sindaco Candido De Angelis accusato di evasione fiscale per quasi un milione di euro dalla Guardia di finanza.

Il tentativo è quello di anticipare l’approvazione del bilancio di previsione e poi di far mancare il numero legale sulla discussione della mozione e del delicato momento politico che attraversa il sindaco.

Domani mattina sarà sicuramente una conferenza dei capigruppo infuocata considerato che Alternativa per AnzioMovimento 5 Stelle e la consigliera del Partito democratico Lina Giannino – che hanno firmato la mozione di sfiducia a De Angelis – sono fermamente contro l’inversione dell’ordine del giorno e pronti a dare battaglia.
Come se non bastasse nel consiglio comunale del 28 dicembre dovrà essere eletto anche il nuovo presidente del consiglio comunale – vacante da due mesi – sul quale ancora non c’è chiarezza. Da indiscrezioni sembra il nuovo presidente dovrebbe essere l’attuale assessore al Bilancio Eugenio Ruggiero – in quota Lega Salvini – che, però, dovrebbe dimettersi dall’incarico entro il 27 dicembre, ossia almeno il giorno prima del consiglio comunale. Ruggiero farebbe posto in Giunta alla consigliera Giusy Piccolo, anche lei della Lega, che così riequilibrerebbe le quote rosa nell’esecutivo; a quel punto lo stesso Ruggiero entrerebbe in consiglio comunale come primo dei non eletti nella lista della Lega Salvini andando a ricoprire il ruolo di presidente del consiglio comunale.

Manovre sul filo del rasoio che, però, non vengono ben viste dal gruppo consiliare di Fratelli d’Italia infastidito dal fatto che la Lega faccia asso pigliatutto. E come se non bastasse i consiglieri di Fli hanno chiesto al sindaco di rimuovere come assessore Alberto Alessandroni che non riconoscono più come loro referente in Giunta. Una grana in più per De Angelis.