Home In evidenza Quote di genere, anticipazioni di cassa e lavori all’ex Commissariato: la Dem...

Quote di genere, anticipazioni di cassa e lavori all’ex Commissariato: la Dem Lina Giannino alza il polverone

1176
0

Quote di genere, anticipazioni al Chris Cappel e i lavori all’ex Commissariato, Villa Angelina. Sono i tre temi sui quali la consigliera del Pd, Lina Giannino, continua a tenere accesi i riflettori. Tanto da aver voluto snoccionarli durante una conferenza stampa organizzata in piazzetta dell’Abbeveratoio ieri pomeriggio, alla quale hanno partecipato nel pubblico tra gli altri Luca Brignone consigliere di ‘Alternativa per Anzio‘, il segretario del Psdi Paride Tulli, la ex consigliera del Pd Maria Teresa Lo Fazio e Aurelio Lo Fazio.

A breve scadranno i primi 100 giorni dell’Amministrazione guidata da Candido De Angelis e non si è riusciti a capire qual è la sua visione di città. Un’Amminisrtrazione che in campagna elettorale aveva usato lo slogan ‘Ripartiamo dalle regole’ e che ad oggi quelle regole sembra averle infrante“. A cominciare dall’ottavo assessore nominato e poi revocato, sottolinea la consigliera Dem, per finire con le quote di genere. “Che non sono un capriccio del Pd: ci stiamo battendo per vedere rispettata la legge che prevede il rispetto del 40% in Giunta per entrambi i generi. Abbiamo sollevato il quesito in consiglio comunale, abbiamo scritto al Prefetto che ha sollecitato il sindaco a spiegare le sue motivazioni, quindici giorni fa ho scritto alla segretaria comunale Giosy Pierpaola Tomasello, che ho anche sollecitato di persona ad intervenire in quanto garante della legalità e della trasparenza ma che ad oggi non ha ancora ritenuto di darmi una risposta“. Il passo successivo è stata la conferenza stampa, l’ulteriore – in assenza di chiarimenti o atti che vadano nella direzione del rispetto della legge Delrio sulle quote rosa, sarà sicuramente la richiesta di intervento del Prefetto.

Non solo quote di genere. La consigliera ha puntato il dito anche contro la mancanza di risposte su altri due casi sollevati dal Pd: l’anticipo di cassa per la scuola Chris Cappell e i lavori all’ex Commissariato. “Nei giorni scorsi ho chiesto al dirigente dell’area Economico-finanziaria lumi sulla convenzione tra il Comune e il Chris Cappell per sapere da quanti anni la ex Provincia non restituisce i soldi (173 mila euro l’ultima rata versata ad inizio anno scolastico) al Comune. A me risulta da diversi anni, per questo ho fatto formale richiesta all’Amministrazione: come mai non è stata messa in mora la ex Provincia in assenza di questi rimborsi?”. Ultimo argomento toccato dalla Dem è Villa Angelina, dove sono in corso i lavori di ristrutturazione per il trasferimento del corpo della Polizia locale. Documenti alla mano, la Giannino incalza: “I lavori sono iniziati nell’agosto del 2017 e ci sono stati già almeno cinque stanziamenti, di cui due riferibili all’attuale Amministrazione, senza alcuna gara, per un totale di circa 200 mila euro. Il tutto senza aver avviato precedentemente alla nomina di un addetto alla sicurezza, senza aver eseguito alcun computo metrico e senza aver provveduto alla messa in sicurezza dell’edificio“.

Giova ricordare che l’edificio che ospitava l’ex Commissariato fu chiuso nel 1999 dopo che la palazzina fu dichiarata dichiarata inagibile sotto il profilo statico ed insalubre sotto quello igienico-sanitario; gli uffici che vi erano ospitati avevano una cubatura assolutamente insufficiente e gli ambienti fatiscenti ed indecorosi. Dopo la riacquisizione di Villa Angelina al patrimonio comunale avvenuta lo scorso anno, l’Amministrazione Bruschini aveva disposto l’inizio dei lavori di ristrutturazione in un’ala dell’edificio. Benissimo il trasferimento della Polizia locale ma – ribadisce la Giannino – resta il problema dell’agibilità. “Se prima c’erano problemi di staticità ora non ci sono più?“.