Home In evidenza Sinistra Italiana: un incontro programmatico per risollevare Anzio

Sinistra Italiana: un incontro programmatico per risollevare Anzio

1091
0

Sinistra Italiana, attraverso il coordinatore del circolo Pepe Mujica Anzio-Nettuno, Luca Brignone, fa sapere che è pronta ad organizzare un incontro programmatico per parlare di Anzio, dei problemi che ruotano attorno alla città e di quali potrebbero essere le soluzioni per risolverli e che è pronta a organizzarlo in collaborazione con MDP.
Un incontro che nasce dalla volontà di illustrare le situazioni ritenute più “calde” da SI, dal piano regolatore alla questione rifiuti, dall’avvio dei lavori al porto fino alla necessità di elaborare una nuova visione di governo. Anzio viene vista dagli esponenti di SI come una città che ha perso la bussola e che ha bisogno di un profondo rinnovamento.

“Affinché ad una classe dirigente corrotta non se ne sostituisca immediatamente un’altra uguale, serve la Politica, e Politica non significa mettere insieme sigle e trovare volti fotogenici, fare Politica significa fare delle scelte e portarle avanti con determinazione e coerenza – scrive Brignone in un comunicato stampa – Queste scelte oggi si fanno fatica a vedere, ed è per questo che alle condizioni attuali non siamo interessati a nessuno dei candidati in campo. Lo abbiamo già detto e lo ripetiamo, anche ai giornalisti locali che scrivono che “sinistra italiana è pronta ad accettare un Pisapia qualunque”: il punto non è il candidato, non ci serve un leader maximo, se fosse quello il problema, scusate, ma lo avremmo già risolto da tempo, perché di persone valide, spendibili, preparate e non compromesse ne abbiamo in abbondanza. Il punto è cosa vogliamo farne di questa città. E non basta dire che vogliamo onestà, occupazione, turismo ecc., sfido chiunque a trovare un esponente di qualsiasi area che oggi dica il contrario. Si tratta di elaborare una visione di governo comune a partire dalle innumerevoli vertenze che insistono su Anzio e fare delle scelte in merito, perché senza queste qualsiasi coalizione o alleanza durerebbe poche settimane”.