Home Cronaca L’Addio a Silvia Cera, martedì 25 i funerali della giovane che ha...

L’Addio a Silvia Cera, martedì 25 i funerali della giovane che ha perso la vita sul ponte di Lavinio

13086
0

Si terranno domani (martedì 25 luglio) alle ore 11.30 presso il Santuario intitolato a Santa Maria Goretti, i funerali di Silvia Cera, la ragazza di 29 anni, stimatissima fisioterapista del territorio, che ha perso la vita tragicamente una settimana fa. Un terribile incidente, avvenuto intorno alla mezzanotte di domenica 16 luglio, sul cavalcavia di Lavinio stazione. Un frontale, sulle cui cause stanno indagando le forze dell’ordine, che le è risultato fatale: un impatto talmente violento che sia lei sia il suo fidanzato che era alla guida del maxi scooter, sono stati sbalzati a terra. Una corsa disperata prima in ambulanza poi in eliambulanza fino al San Camillo di Roma. Ma per Silvia non c’è stato nulla da fare. Ricoverato all’Aurelia Hospital il suo fidanzato, di origini romene, che ha riportato numerose fratture e le cui condizioni vanno migliorando.

Intanto sul profilo facebook della ventinovenne continuano ad arrivare messaggi di stima e di profondo amore firmato dagli amici, dai colleghi e dai pazienti della giovanissima terapista. “La triste notizia, ci ha colpiti tutti in maniera improvvisa. Il primo pensiero è stato: ‘È impossibile‘. Poi purtroppo ti accorgi che la vita a volte è fatta di cose inaspettate, e ingiuste“. “Eri una ragazza piena di vita, una collega curiosa, e desiderosa di imparare sempre cose nuove per migliorare la vita dei tuoi pazienti. Perché il nostro lavoro è sopratutto questo: aiutare il prossimo“. E ancora: “Bella, intelligente, sempre gentile, sorridente. Una ragazza con mani d’oro, un angelo innocente che con la sua professionalità e la sua bravura mi faceva stare subito bene. Non posso credere a quello che è successo con te, la vita è veramente ingiusta“.

Sono due comunità sgomente e in lacrime quelle di Anzio e di Nettuno, dove la ventinovenne ha lasciato segni tangibili del suo passaggio terreno. In segno di lutto la palestra della Clinica dei Pini dove Silvia lavorava, resterà chiusa per consentire ai colleghi di partecipare alla cerimonia funebre.