SHARE
incidente nettunense

Ha riportato lievi ustioni sugli avambracci Gianluca Mazzi, l’automobilista di Anzio che ieri sera, insieme a Franco Gallinari, ha estratto Nunzia Schettino dalla Smart coinvolta nell’incidente stradale sulla Nettunense prima che prendesse fuoco.
Quando sono transitato davanti all’incidente c’era già Franco che conosco – racconta Mazzi – ci siamo subito sincerati che i ragazzi della Punto stessero bene; poi ci siamo avvicinati alla Smart che era finita nella cunetta e abbiamo visto che la ragazza al volante era purtroppo priva di sensi. Franco ha quindi aperto la portiera dal lato guidatore per cercare di tirarla fuori, ma non è stato possibile perché aveva entrambe le gambe incastrate sotto il volante. In quel momento abbiamo notato delle scintille proprio sul volante all’altezza dell’airbag che era scoppiato e abbiamo capito che le cose si stavano mettendo male, che di lì a poco si sarebbe sviluppato un incendio“.
A quel punto – continua il racconto Gianluca Mazzi – mi sono spostato dalla parte della portiera del passeggero che, però, era bloccata. Ho spaccato il vetro e a forza di tirare, non so come, sono riuscito ad aprire la portiera mentre le fiamme stavano già aggredendo la tappezzeria della macchina. Una volta nell’abitacolo ho liberato le gambe della ragazza e fatto in modo che Franco potesse tirarla fuori. E ci è riuscito per fortuna: l’ha presa in braccio e l’ha portata al sicuro al centro della carreggiata. Io sono riuscito appena in tempo ad uscire dalla Smart che è stata subito aggredita dal fuoco che l’ha distrutta in pochi minuti. Trenta secondi di ritardo e per quella ragazza non ci sarebbe stato niente da fare. Speriamo proprio – aggiunge Mazzi – e lo dico anche a nome di Franco, che la ragazza ce la possa fare, che il nostro intervento sia veramente servito a salvarle la vita. Preghiamo per lei in questo momento“.