Home Cronaca Anzio Anzio, iniziati i lavori della centrale biogas in via della Spadellata

Anzio, iniziati i lavori della centrale biogas in via della Spadellata

6632
0
SHARE
centrale

Sono iniziati questa mattina sul terreno dello stradone della Spadellata nella zona di Padiglione ad Anzio i lavori per la realizzazione dell’impianto biogas autorizzato dalla regione Lazio con il parere favorevole del Comune di Anzio. È stata la stessa società che dovrà realizzarlo, Anziobiowaste Srl, a comunicarlo, sempre questa mattina, al Comune e alla Regione Lazio. La comunicazione di inizio lavori arriva, stranamente, proprio nel momento in cui il sindaco di Anzio Luciano Bruschini, dopo il turbolento consiglio comunale di martedì condito da dure critiche da parte del pubblico, aveva deciso di emanare un’ordinanza di precauzione e la richiesta di esami epidemiologici dell’area sulla quale dovrebbe sorgere la centrale biogas.
In attesa dell’ordinanza che avrebbe in qualche modo rimandato la inizio dei lavori, è invece arrivata prima la comunicazione da parte di Anziobiowaste srl. Una doccia fredda per i residenti delle zone di Padiglione, Sacida e Lavino e del Comitato Anzio No biogas che avevano più volte, ma invano, chiesto al sindaco di rispettare gli impegni presi addirittura a febbraio dello scorso anno e mai mantenuti: ossia l’ordinanza di precauzione e l’esame epidemiologico della zona di Padiglione dove insistono altri insediamenti industriali.

La speranza è che nell’ordinanza alla quale sta lavorando il sindaco Bruschini possa inserire anche la possibilità di sospensione dei lavori dell’impianto della Spadellata che, come noto, lavorerà 50.000 tonnellate di rifiuti l’anno.
E domani mattina il sindaco Bruschini andrà a lavarsi la coscienza alla conferenza dei servizi in Regione dove dovrà esprimere il parere sulla realizzazione di un impianto di stoccaggio e trattamento di 55.000 tonnellate l’anno di rifiuti, un quinto dei quali rifiuti umidi. Andrà in Regione per dire no alla realizzazione del nuovo impianto – sempre nella zona di Padiglione – insieme all’ingegnere comunale Walter Dell’Accio che, come ha più volte dichiarato, esprimerà invece parere tecnico favorevole.