Home Cronaca Anzio Bossolo per posta, Zucchini: “Sono avvilito per i gravi atti intimidatori che...

Bossolo per posta, Zucchini: “Sono avvilito per i gravi atti intimidatori che sto subendo”

1949
0

Sta rimbalzando ovunque la notizia dell’ennesimo gravissimo atto intimidatorio che questa mattina ha visto vittima il vicesindaco di Anzio Giorgio Zucchini (Leggi la notizia). E in città tornano la paura e i dubbi, soprattutto perché per l’assessore al Bilancio si tratta del terzo attentato intimidatorio nel giro di appena cinque mesi. E’ proprio lui, dopo essere stato dai carabinieri della Compagnia di Anzio a presentare denuncia contro ignoti dopo il ricevimento presso l’ufficio Protocollo generale di piazza Cesare Battisti  di un plico contenente un proiettile, a commentare il gravissimo fatto: “Sono profondamente avvilito per quanto sta accadendo alla mia persona e di riflesso alla mia famiglia. Confido nelle indagini delle Autorità competenti e auspico che, quanto prima, venga fatta luce sulla vicenda e sui gravi atti intimidatori che sto subendo durante l’espletamento del mio incarico”.

E con quest’ultimo gravissimo episodio si torna a parlare delle interrogazioni parlamentari – ben quattro negli ultimi mesi tra cui quelle presentate dal Pd, dal movimento 5Stelle e da Sel – presentate da altrettante forze politiche per chiedere di fare chiarezza sui recenti fatti neroniani e per chiedere l’insediamento di una commissione d’accesso. Quello di oggi è la terza intimidazione che riguarda Giorgio Zucchini, al quale hanno incendiato l’auto ad agosto e poi ad ottobre; il 14 febbraio 2015 spari di pistola contro l’abitazione dell’assessore Alberto Alessandroni; il 5 marzo 2012 stesso copione contro la villa dell’assessore Patrizio Placidi.