Trascorreranno il Natale con le famiglie terremotate di Ancarano e Pielarocca, frazioni nel comune di Norcia, Emilio Di Fazio e Alessia Bruni due nostri concittadini di Anzio e Nettuno volontari della Croce Rossa Italiana. Abbiamo trascorso con loro l’intera giornata di ieri nella tendopoli dove svolgono il loro servizio prendendosi cura degli 88 sfollati, tra cui 22 bambini. La squadra della croce rossa si occupa di tutto: i tre pasti della giornata, servizi idraulici ed elettrici, ma anche intrattenimento con giochi ed attività. “Siamo partiti il 31 ottobre dopo la forte scossa che il 30 ha devastato Norcia e queste due piccole ma meravigliose frazioni – racconta Emilio – abbiamo tirato su questo campo da soli, come Croce Rossa ovviamente, ed è la prima volta che viene gestito totalmente da volontari senza nessun dipendente. Abbiamo il costante aiuto della protezione civile e dei vigili del fuoco che piano piano stanno ritirando su queste frazioni”. 

“Qui mi occupo di gestire il campo e controllare che tutto funzioni per il meglio – afferma Alessia – questa non è la prima emergenza che affronto: sono stata anche in Iraq durante la guerra e all’Aquila dove la situazione era disperata a causa delle tante vittime. Qui, fortunatamente, non hanno perso nessun parente o amico a causa del sisma. Le loro case sono state distrutte, anche se esternamente sembrano intatte, e per il momento vivono qui nella tenda o nella roulotte”.

Francesco, nome di fantasia uno di uno degli 88 terremotati, ci ha fatto vedere quello che resta della sua abitazione ricordando quel maledetto 3o ottobre. “Siamo usciti da casa già dalla scossa del 24 agosto ad Amatrice perchè non eravamo più sicuri dato che sui muri era comparsa qualche crepa – racconta – con quella del 31 ottobre scorso abbiamo visto, insieme a mia moglie e alla mie figlie, la nostra casa in parte venire giù. E’ stata una scossa forte e lunga 3 minuti. Non riuscivo a stare in piedi. Ho avuto tanta paura”. Tristezza e dolore negli occhi di Francesco come in quelli degli altri terremotati che la tendopoli di Ancarano ospita.

Il racconto della vita nella tendopoli e le testimonianze dei nostri concittadini e dei terremotati, nel prossimo numero de “Il Granchio” in edicola sabato 7 gennaio 2017.

A cura di Elvira Proia, Davide Vaggi, Vanessa Amadori e Mirko Sanna