Home Cronaca Caso Brunetti, la Cassazione assolve i quattro poliziotti accusati

Caso Brunetti, la Cassazione assolve i quattro poliziotti accusati

1619
0

Assolti in via definitiva i quattro poliziotti del Commissariato di Anzio che sono stati accusati di omicidio preterintenzionale per la morte di Stefano Brunetti, deceduto a 43 anni il 9 settembre del 2008, il giorno successivo al suo arresto per furto. La morte, secondo le risultanze dell’autopsia, è stata causata da una emorragia interna provocata dalla rottura di due costole. Il processo, lo ricordiamo, iniziò nel 2011. Ieri la quinta sezione penale della Corte di Cassazione ha confermato la sentenza di assoluzione pronunciata in appello, mettendo la parola “fine” sulla vicenda e scagionando in via definitiva i quattro agenti per gli agenti Salvatore Lupoli e Alessio Sparacino, insieme ai colleghi Daniele Bruno e Massimo Cocuzza. L’indagine della Procura di Velletri era partita dal verbale firmato dai sanitari del pronto soccorso dell’ospedale Colombo di Velletri, dove Stefano Brunetti prima di morire aveva riferito al medico che a ridurlo in quel modo erano “state le guardie”. Circostanza questa sempre smentita dai diretti interessati che hanno sempre sostenuto, in tutti i gradi del processo, la totale estraneità ai fatti.