Home In evidenza Nettuno, il Sindaco Casto scrive agli studenti

Nettuno, il Sindaco Casto scrive agli studenti

5575
0

La scuola, insieme alla famiglia, rappresenta la “locomotiva” per un futuro sano e proficuo della società e i giovani sono la forza indispensabile per costruire e porre le basi di una Comunità attiva, partecipativa e propositiva che ci permetta di avere futuri cittadini consapevoli e responsabili

Il nuovo anno scolastico sta per cominciare e così il sindaco di Nettuno, Angelo Casto, ha deciso di scrivere una lettera, rivolgendosi personalmente agli studenti del territorio:

Care studentesse e cari studenti,
il nuovo anno scolastico, per la prima volta mi vede Sindaco di questa meravigliosa città e per questo motivo mi sento molto coinvolto e partecipe. La scuola, insieme alla famiglia, rappresenta la “locomotiva” per un futuro sano e proficuo della società e i giovani sono la forza indispensabile per costruire e porre le basi di una Comunità attiva, partecipativa e propositiva che ci permetta di avere futuri cittadini consapevoli e responsabili.
Proprio per questo, vi confido di sentire molto l’importanza di quest’augurio per far sì che voi possiate vivere quest’anno scolastico con entusiasmo e serietà.
Non dobbiamo dimenticare che per rispondere alle sfide della competizione culturale e globale è necessario investire sulla Conoscenza e sulla Creatività come risorse necessarie per la crescita, per il cambiamento e per lo sviluppo dell’intera società.
Un particolare augurio, a nome anche di tutta l’Amministrazione comunale, intendo rivolgerlo anche ai dirigenti scolastici, ai docenti, e a tutto il personale della scuola che contribuisce, con sacrificio e quotidianamente, e con la forza straordinaria che contraddistingue la figura dell’educatore, alla crescita del senso civico e della coesione sociale per la formazione delle Nuove generazioni e quindi del futuro di questa nazione.
Vi lascio infine con una frase di Aristotele a me molto cara:
“Ciascuno giudica bene ciò che conosce, e solo di questo è buon giudice””.