Home In evidenza Acqualatina, Casto chiede di eliminare i compensi ai consiglieri di parte pubblica

Acqualatina, Casto chiede di eliminare i compensi ai consiglieri di parte pubblica

11255
0

Durante la Conferenza dei sindaci dell’ATO4 il Sindaco di Nettuno ha proposto di eliminare ogni compenso ai consiglieri di parte pubblica del Cda di Acqualatina che rivestano, o che abbiamo rivestito incarichi e/o mandati di natura politica. 

Si è svolta la scorsa settimana l’assemblea dei sindaci dell’ATO4. Al centro dell’incontro l’idea di cambiare la visione politica all’interno del Consiglio di amministrazione di Acqualatina. Tra le varie proposte presentate dai Sindaci anche quella del primo cittadino di Nettuno, Angelo Casto. Il Sindaco del Movimento Cinque Stelle ha chiesto nello specifico di azzerare e sostituire i componenti di parte pubblica del consiglio di amministrazione di Acqualatina ed eliminare ogni compenso ai consiglieri di parte pubblica del Cda che rivestano, o che abbiamo rivestito incarichi e/o mandati di natura politica. “Abbiamo ragionato e ci siamo confrontati – spiega Casto – sulle criticità del servizio svolto da Acqualatina e sulla necessità che ogni Comune abbia i giusti investimenti per migliorare la propria rete idrica. In questo contesto, anche in base alla volontà popolare espressa dai risultati delle ultime elezioni amministrative a Nettuno, ho voluto sollevare l’anacronistica elargizione di compensi per i rappresentanti di parte pubblica nel cda di Acqualatina che, al momento, sono lontani dagli interessi dei cittadini la cui propensione è sicuramente verso la richiamata volontà referendaria dell’acqua pubblica. Nell’incontro è anche emerso che uno degli investimenti di Acqualatina sarebbe quello dell’acquisto di una sede da 26 milioni di euro e tutto ciò con la giustificazione che adesso si pagano poco più di 300 mila euro all’anno per l’affitto di parte della Torre 10 a Latina Fiori“. Al termine dell’assemblea il Sindaco Casto ha inviato la proposta al presidente della Provincia di Latina nonché sindaco di Cisterna Eleonora Della Penna, a cui spetterà il compito di creare un documento unitario con le varie richieste formulate dai Sindaci.