Home Cronaca Anzio Splash down, firmata l’ordinanza di demolizione

Splash down, firmata l’ordinanza di demolizione

4493
0

E’ stata firmata stamattina dal sindaco Luciano Bruschini l’ordinanza di demolizione dello Splash down, la struttura bianca oramai arrugginita, situata sulla riviera Zanardelli che da tantissimi anni versa in uno stato di profondo degrado e abbandono. Nato negli anni ’60 per accogliere un acquario e un museo, trasformato successivamente in un locale della movida anziate quando la città era la perla del Tirreno, negli ultimi vent’anni è divenuto un vero ecomostro che ha attirato su di sé le proteste dei bagnanti e dei cittadini, che hanno sempre invocato la ristrutturazione o, nel caso in cui non fosse possibile, l’abbattimento. Solo ieri il presidente Alessio Mauro e il portavoce di parte privata Antonio Bufalari della Capo d’Anzio, la società incaricata di realizzare il nuovo porto, avevano annunciato la conclusione dell’iter previsto per lo Splash down: “Non possiamo più attendere, la recinzione viene continuamente valicata e la struttura è divenuta troppo pericolosa“. Stamattina il primo cittadino ha finalmente firmato l’ordinanza per preservare l’incolumità pubblica. “Era un intervento necessario per la messa in sicurezza dell’area, considerato l’attuale stato di degrado della struttura dovuto al cedimento di cornicioni e intonaci in un tratto di litorale di pregio del nostro territorio. La demolizione dell’edificio è anche il simbolo dell’inizio dei lavori per la realizzazione del nuovo Porto di Anzio”. L’abbattimento dello scheletro è previsto per la prima settimana di luglio.

 

.