Home Cronaca Nettuno, si è rinnovato l’appuntamento con il “Miracoloso approdo”

Nettuno, si è rinnovato l’appuntamento con il “Miracoloso approdo”

3134
0

AVV_5633

Qualche spruzzo di pioggia nel momento clou della manifestazione ha reso ancora più suggestivo lo sbarco della copia della statua lignea di “Nostra Signora delle Grazie” trasportata da un piccolo gozzo fin davanti alla spiaggia del Santuario che ospita la versione originale, quella che sabato prossimo sarà venerata in processione dalla città. Ieri Nettuno ha dunque rivocato con fede e partecipazione il miracoloso approdo della statua di “Nostra Signora delle Grazie” patrona della città. Una storia burrascosa, è proprio il caso di dirlo, quella della statua venerata dai Nettunesi: che nel 1550 lasciò il porto inglese della città di Ipswich destinazione Napoli per essere sottratta alla distruzione delle immagini sacre decretata da Enrico VIII. Il re d’Inghilterra che si era fatto proclamare dal Parlamento capo della Chiesa anglicana, aveva confiscato i beni di tutti i conventi, perseguitato i cattolici, distrutte le loro chiese, le immagini e i dipinti religiosi.Per sottrarla a questo destino che nel 1550 alcuni cattolici di Ipswich decisero segretamente di trasferire via mare su un veliero la statua di “Nostra Signora delle Grazie” in Italia, destinazione Napoli. Ma a Napoli non arrivò mai perché il mare in burrasca costrinse l’equipaggio a sbarcarla a Nettuno. Almeno tre volte i marinai tentarono di riprendere il mare verso Napoli, ma il maltempo li costrinse sempre a sbarcarla. Fino a quando non decisero di lasciare definitivamente la preziosa statua lignea Nettuno. Che da allora l’ha custodia con amore e devozione. E per ricordare questa storia unica e avventurosa che l’associazione “Stella del mare” presieduta da Gianfranco Rabini, in collaborazione con la Confraternita “Nostra Signora delle Grazie”, ha voluto rievocare anche quest’anno il miracoloso approdo. Una manifestazione suggestiva che è stata preceduta dalla sfilata di sbandieratori, gruppi folkloristici, trombonieri, dame e cavalieri in costume.AVV_5651AVV_5658AVV_5675AVV_5679AVV_5595