Home Cronaca Liberato un esemplare di cigno al lago di Fogliano

Liberato un esemplare di cigno al lago di Fogliano

1474
0

Nella mattina di domenica 31 gennaio in via Acciarella all’altezza del ristorante Torre Astura, è stato rinvenuto, da parte di un automobilista, un esemplare di cigno (Cygnus olor). L’automobilista ha immediatamente contattato le Guardie Zoofile di Nettuno, le quali hanno trasferito il Cigno presso le strutture della Riserva Naturale Tor Caldara, il  Responsabile della Riserva, Vittorio Castellana, ha accolto presso le strutture presenti l’animale, che  il giorno successivo è stato trasferito presso il Centro tutela fauna selvatica dell’ufficio territoriale biodiversità del Corpo Forestale dello Stato presso il Lago di Fogliano nel Parco Nazionale del Circeo, da un primo controllo effettuato dall’Ispettore Superiore Roberto Mayer insieme al personale della Riserva è risultato che l’animale era in buono stato di salute e durante la mattinata di ieri il cigno è stato liberato nel Lago di Fogliano dal Corpo Forestale dello Stato insieme al personale della Riserva Tor Caldara, dove l’animale troverà un ambiente a lui idoneo.

 

Il cigno reale è un uccello acquatico che può raggiungere anche i 150 cm, è presente in quasi tutta l’Europa, l’Asia (escluse le regioni tropicali e l’Arabia Saudita) e in nord Africa. Abita per lo più zone umide ricche di vegetazione, quali paludi, laghi oppure insenature di fiumi, che predilige per la nidificazione. Le popolazioni presenti in Italia sono stanziali, legate al proprio habitat, mentre le popolazioni più settentrionali si riuniscono in stormi per svernare nelle regioni dove il clima è più mite, fermandosi lunghe le coste riparate oppure in specchi di acqua dolce. I giovani e i pulcini hanno una colorazioni del piumaggio che varia dal grigio tendente al marrone chiaro fino al bianco sporco, mentre il becco è di colore grigio. Con la crescita il piumaggio diventa gradualmente di colore bianco e il becco di colore arancio con una protuberanza nera alla base, più evidente nel maschio. Questa specie ha una dieta eterogenea, si ciba di piante acquatiche, crostacei, girini, piccoli pesci, rane e insetti.