Home Eventi Befana, Anzio organizza la 10° edizione

Befana, Anzio organizza la 10° edizione

3742
0

Anche quest’anno andrà in scena la consueta festa della Befana ad Anzio, giunta alla sua 10° edizione.

Il 2016 avrà la sua festa della Befana. Organizzata dall’assessore alle politiche sociali del comune di Anzio Roberta Cafà, con il supporto dell’associazione “Pungolo”, la festa dell’epifania andrà in scena il 6 gennaio a partire dalle 15 presso l’Aq international che si trova sullo stradone del Sandalo n. 8. Anche quest’anno, a stupire i piccoli, saranno simpatiche befane che, a bordo di vecchie scope e vestite con stracci e curiosi cappelli, giungeranno a sorpresa per distribuire a tutti i bambini delle calze con dentro gustose sorprese e , per qualcuno, anche il carbone.

“E’ un evento per me importante – ha affermato Roberta Cafà – al quale non sono riuscita a rinunciare, nonostante il grande impegno dedicato al pranzo di Natale del 19 e 20 dicembre presso la Parrocchia di San Benedetto, ed al quale hanno partecipato oltre 400 persone. Si tratta di occasioni che parlano di solidarietà, condivisione e soprattutto di momenti felici per chi non ha la fortuna di trascorrere le festività nella serenità familiare”.

“Tendiamo a concentrare le nostre attenzioni alle persone in difficoltà solo nelle ricorrenze natalizie – ha sottolineato Roberta Cafà – quando invece, in qualità di Assessore, ogni giorno mi trovo a confrontarmi con un tessuto sociale difficile, esigente e bisognoso non solo di essere ascoltato ma soprattutto di sopravvivere. Colgo difatti l’occasione per ringraziare tutti coloro che, nel sociale, dedicano 365 giorni l’anno le proprie energie, lavorando all’ombra. Ed includo in questo i miei collaboratori, sempre disponibili e professionisti, a squadra dei volontari del Servizo Civile Nazionale, le associazioni del terzo settore, le parrocchie, i centri di sociali e tutte le realtà smente utili . Spero veramente di poter dedicare loro i sorrisi spontanei dei bambini ed il loro stupore di fronte a personaggi curiosi come la befana, affinché possano essere leve ideale e stimoli naturali per continuare a fare del bene”.