Home Cronaca L’ultimo saluto della città all’ex giocatore del Nettuno Baseball Marco Ubani

L’ultimo saluto della città all’ex giocatore del Nettuno Baseball Marco Ubani

41
0

Nettuno, commossa, ha dato l’ultimo saluto a Marco Ubani l’ex giocatore del Nettuno Bc venuto a mancare due giorni fa dopo una breve malattia. A concelebrare la funzione religiosa padre Giovanni Alberti e don Massimo Silla. In tanti hanno voluto far sentire il loro affetto e vicinanza alla moglie Piera e ai figli Gianmarco e Federico. Al termine della messa il ricordo commosso nelle parole del suo allenatore, quasi un padre, Giampiero Faraone. “Marco era un ragazzo d’oro, uno di quei talenti naturali – ha detto interrompendosi più volte commosso – che hanno formato una squadra in grado, negli anni ’90, di vincere tutto. Sono certo che lassù troverà ad aspettarlo i nove uomini d’oro (la leggendaria squadra che vinse sei scudetti tra il ’51 e il ’57 ndr) e anche Alfredo (Lauri, ex lanciatore degli anni ‘60 ndr). Ciao Marco ti vogliamo bene”.

Presenti alla cerimonia tutti i compagni di quel formidabile Nettuno: Ruggiero Bagialemani, Guglielmo Trinci, Piero Pecchia, Pietro Cianfriglia, Ercole Procaccini, Diego Ricci, Massimiliano Masin, Massimiliano Ciaramella, Paolo Catanzani, Valerio Mastrantonio, Fernando Ricci, Marco Barboni, Alberto D’Auria, Roberto De Franceschi, Igor Schiavetti, Leonardo Mazzanti. In chiesa anche altri ex giocatori del Nettuno: Bruno Laurenzi, Giorgio Costantini, Maurizio Camusi, Claudio Scerrato, Stefano Bernicchia, Gianni Cancelli, Enzo Lauri. Tra gli amici anche l’ex direttore sportivo del Nettuno Giorgio De Carolis e il dottor Gaetano Schiavottiello. Sono stati proprio alcuni ex compagni di Marco, al termine della funzione religiosa, a portare in spalla il feretro ricoperto da una bandiera verde azzurra, i colori del Nettuno, con i bordi tricolore. Prima di lasciare il Santuario passando tra i giocatori del Nettuno Bc e quelli dei Lions schierati ai lati del sagrato, il feretro è stato accompagnato dalle note di “Gigante” di Marco Mengoni. Quindi un lungo applauso. Ciao Marco.

Folle gesto nel mistero – Clicca e sfoglia gratis il settimanale online il Granchio