Home Cronaca Anzio, chiusura del Punto nascita al “Riuniti”: “decisione grave e incomprensibile”

Anzio, chiusura del Punto nascita al “Riuniti”: “decisione grave e incomprensibile”

32
0

Sulla decisione della regione Lazio di spostare il punto nascita dall’ospedale “Riuniti“ di Anzio all’ospedale “Colombo“ di Velletri, intervengono con una dura nota i consiglieri regionali del Partito democratico Emanuela Droghei e Massimiliano Valeriani.

Siamo fermamente contrari alla decisione della Regione Lazio di chiudere il punto nascite, già autorizzato dal Ministero della Salute, all’Ospedale “Riuniti” di Anzio e Nettuno – si legge nel comunicato -. Questa scelta, per noi incomprensibile, non tiene conto delle esigenze della popolazione del litorale, relegando le cittadine e i cittadini di questa zona a un ruolo di serie B. Anzio, Nettuno e i comuni limitrofi contano su una popolazione che necessiterebbe di un servizio sanitario adeguato e accessibile. Non possiamo accettare che le decisioni politiche siano prese senza un’adeguata considerazione delle reali esigenze del territorio e della voce dei suoi abitanti. La scelta di questa chiusura – continuano i consiglieri del Pd – appare del tutto ingiustificata, soprattutto alla luce del parere tecnico del Comitato regionale. Questo provvedimento rischia di compromettere la qualità e l’efficacia del servizio sanitario per un vasto numero di cittadini. Chiediamo alla Regione Lazio di riconsiderare questa decisione contenuta nel Piano sanitario 2024/2026 e di avviare un confronto serio e costruttivo con tutte le parti interessate. È essenziale – concludono Valeriani e Droghei – che le scelte in materia di sanità siano orientate al bene comune e rispecchino le esigenze della popolazione”.

Vietato nascere al “Riuniti” – Clicca e sfoglia GRATIS il settimanale online il Granchio