Home Arcadia Come sarebbe “Rosso Malpelo” se fosse ambientato ai giorni nostri? Ce lo...

Come sarebbe “Rosso Malpelo” se fosse ambientato ai giorni nostri? Ce lo spiega la collana “Ante Litteram” di Tab Edizioni

36
0

Tutti conosciamo la storia di “Rosso Malpelo”: il protagonista della novella di Giovanni Verga sempre presente nei libri di scuola e nei manuali universitari di letteratura. Ma come sarebbe la storia se fosse ambientata nella nostra epoca? Malpelo riuscirebbe ad avere un riscatto? Forse no (purtroppo) e a spiegarcelo è proprio l’editore, nonché ex giornalista della nostra testata, Mario Scagnetti nella collana “Ante Litteram” della casa editrice Tab Edizioni.

Rosso Malpelo” è una novella di Giovanni Verga pubblicata per la prima volta su “Il Fanfulla” e soltanto poi, nel 1880, raccolta insieme ad altre novelle nel volume “Vita dei campi”. Il protagonista è un giovane ragazzo siciliano che lavora come minatore in una cava di rena rossa, disprezzato e considerato cattivo dai suoi colleghi a causa del colore dei suoi capelli. Nemmeno sua madre, addirittura, si fidava di lui e “col sentirgli dir sempre a quel modo aveva quasi dimenticato il suo nome di battesimo”, come si può leggere nel racconto. Gli unici a provare del bene nei confronti del giovane sono suo padre e il suo amico “Ranocchio”, scomparsi prematuramente nel corso del racconto. Nella prosa, l’intento dell’autore verista è evidente: sottolineare la realtà di povertà e di sfruttamento subita dalle classi disagiate in Sicilia alla fine del XIX secolo e che iniziava a emergere in quel periodo soltanto grazie alle prime inchieste portate dal Regno d’Italia, al tempo formatosi da poco.

Principalmente l’opera è un ritratto di un adolescente condannato dai pregiudizi popolari, dovuti dal rosso dei capelli che veniva associato al male, che lo condurranno all’emarginazione e alla formazione del suo burbero carattere, che diventerà una corazza nei confronti di una comunità che non lo accetta e per la quale prova un grande risentimento. Sono proprio queste le tematiche che sono state intraprese nella postfazione dell’edizione curata dalla casa editrice romana, in cui “Rosso Malpelo” è diventato lo spunto per toccare argomenti di grande attualità, come le immigrazioni e i diritti delle seconde generazioni.

Abbiamo scelto Malpelo come manifesto della collana Ante Litteram – ha dichiarato Mario Scagnetti al nostro giornale – con la quale cerchiamo di dare nuovamente valore a storie scritte più di settanta anni fa ma le cui tematiche sono ancora molto attuali”.  “Ante Litteram” è nata da un’idea spontanea all’interno della loro redazione e nel 2020 è stato pubblicato il primo numero – appunto “Rosso Malpelo” – con l’intenzione di pubblicarne almeno uno all’anno in collaborazione con i ricercatori e gli esperti delle università. “Con il protagonista di Verga abbiamo cercato di far trasmettere al lettore il nostro intento con la pubblicazione di questa collana, adesso – ha concluso – stiamo lavorando sulla storia di Ipazia e su opere che ci aiuteranno a parlare delle condizioni del carcere”.

Insomma, un nuovo modo (e intelligente secondo il nostro parere) di fare letteratura e che, di certo, fa comprendere come certe situazioni non cambiano mai.