Home Cultura “Le immagini sospese”, il libro fotografico di Ilaria Pisciottani

“Le immagini sospese”, il libro fotografico di Ilaria Pisciottani

140
0

Le immagini sospese“, libro fotografico di Ilaria Pisciottani è stato selezionato nelle 50 migliori pubblicazioni dell’anno 2023 nella categoria di appartenenza, tra i finalisti della quarta edizione del Premio “Le immagini rilegate” nell’ambito del “Milano Photofestival 2023”.
La manifestazione milanese, giunta alla sua diciottesima edizione, è diventata per qualità e ampiezza delle proposte, la più importante kermesse di fotografia d’autore milanese e un imprescindibile punto di riferimento nazionale ed il premio “Le immagini rilegate” uno degli appuntamenti più attesi nell’ambito della rassegna con oltre sessanta candidature presentate per concorrere come miglior libro fotografico del 2023 e la partecipazione di editori e fotografi ben noti al pubblico.
Il premio lanciato dalla Kasa dei libri di Milano nel 2020 in collaborazione con il Photofestival, ideato e diretto da Roberto Mutti, espone i migliori libri selezionati dalla giuria composta da Monica Fumagalli, Nino Romeo e Andrea Kerbaker, presso la Kasa dei Libri di Milano.
Le immagini sospese”, edito da Etabeta-ps.com è stato realizzato graficamente da Giuseppina Irene Groccia con la collaborazione artistica dell’ LartecheMipiace Blogartecultura e raccoglie le opere della bravissima Ilaria Pisciottani ed i testi poetici, filosofici e critici delle persone che hanno dato il loro contributo letterario: Pino Pelloni, Antonio Bartalotta, Piero Zanetov, Felice Vinci, Claudia Achilli, Franca Panella, Samir Al Quarayouti; Anna Caterina Alimenti Rietti e le poesie Haiku (forma poetica della letteratura giapponese, di sole 17 sillabe, ndr) di Piero Zanetov e Felice Vinci.
Il libro è acquistabile sul sito Ibs e verrà presentato ufficialmente a Palazzo Velli Expo di Roma Trastevere il 28 ottobre alle ore 17, all’interno dell’omonima mostra personale della Pisciottani realizzata con il contributo degli sponsor “Fondazione Giuseppe Levi Pelloni” e “Casale del Giglio”.