Home Cronaca Nasce il nuovo laboratorio di ceramica Gatti-Silvestri in piazzetta Segneri

Nasce il nuovo laboratorio di ceramica Gatti-Silvestri in piazzetta Segneri

161
0

È un po’ come rinascere. Parliamo del laboratorio di ceramica di Laura Gatti e Antonio Silvestri, che hanno inaugurato la nuova sede ieri pomeriggio in piazzetta Segneri, alle spalle della chiesa San Giovanni al Borgo medievale a Nettuno. Due piccoli locali, uno per l’esposizione delle ceramiche e l’altro utilizzato come laboratorio, affittati grazie alla disponibilità della Diocesi di Albano. Si tratta di una vera e propria rinascita per il laboratorio dopo la decisione del comune, alla fine del 2018, di interrompere tutte le attività che si svolgevano presso il palazzo della Divina Provvidenza. Il laboratorio nasce nel 1938 per iniziativa di Emma Gatti che lo ha portato avanti fino al 1983 quando è entrato a collaborare il professor Silvestri. Che ha proseguito nello sviluppo delle attività di laboratorio insieme a Laura Gatti, la figlia della signora Emma. Un laboratorio che aveva cominciato la sua attività prima della seconda guerra mondiale con alcuni piccoli oggetti di ceramica e poi negli anni è diventato una vera e propria istituzione sul territorio, tanto da diventare il laboratorio ufficiale al quale il Comune di Nettuno si rivolgeva per il confezionamento di pezzi unici da donare durante le iniziative istituzionali. Nel 2018 l’attività venne interrotta con la chiusura del palazzo della Divina provvidenza. Negli ultimi mesi Silvestri e Gatti hanno deciso di rimboccarsi le maniche e rilanciare quella tradizione riuscendo ad aprire questi due piccoli locali in piazzetta Segneri. E ieri pomeriggio decine di cittadini hanno voluto portare il loro affetto e la loro vicinanza ai due artisti. Presente anche il prefetto Antonio Reppucci che ha assicurato l’avvio dei lavori di ristrutturazione per 6 milioni di euro della Divina Provvidenza che dovrebbero essere completati entro il 2026. Ma intanto Laura Gatti e Antonio Silvestri ripartono da piazzetta Segneri. Nel cuore del Borgo medievale regno di pub e locali alla moda. Che riapra un laboratorio artigianale è un segnale di cambiamento. E non è male.