Home Cronaca Lufthansa lascia a terra e senza farmaci tredicenne disabile di Anzio

Lufthansa lascia a terra e senza farmaci tredicenne disabile di Anzio

183
0

Brutta disavventura per l’anziate Marco Cesarini, in ritorno con la famiglia da una vacanza in Scozia ma bloccato per un giorno all’aeroporto di Francoforte per la mancanza della necessaria assistenza per poter imbarcare sul volo Lufthansa il figlio tredicenne, disabile su sedia a rotelle.

La famiglia – moglie, marito e tre figli di 13, 8 e 3 anni, di cui il più grande, appunto, sulla sedia a rotelle – giunge a Francoforte per il suo scalo in ritardo a causa di problemi sui cieli di Glasgow, perdendo così la coincidenza prevista per le 16,45. Viene quindi riprogrammata la partenza su un altro volo, quello delle 21,30 e vengono lasciati presso il ristorante dello scalo aeroportuale in attesa anche dell’assistenza necessaria per potersi imbarcare. Nessuno però si fa vivo e il gruppo quindi va a chiedere informazioni direttamente al gate, dove nel frattempo comincia l’imbarco, ma i cinque sono costretti a rimanere a terra: non c’è il personale addetto a quel tipo di servizio e la famiglia viene quindi spostata su un volo previsto per il giorno dopo.

Il gruppo familiare viene quindi inviato a un albergo a 30 chilometri dall’aeroporto tedesco, ma i bagagli nel frattempo erano stati imbarcati sul volo su cui non sono potuti salire e all’interno delle valigie c’era anche il farmaco antiepilettico del tredicenne in sedia a rotelle. I cinque vengono quindi accompagnati presso il centro medico, che però hanno trovato chiuso. Fortunatamente il giovane non ha avuto crisi e ha potuto fare a meno del farmaco, per poi riuscire finalmente a tornare a casa il giorno dopo con la sua famiglia.