Home Cronaca Furto al Busen, rubato il defibrillatore

Furto al Busen, rubato il defibrillatore

134
0

La palestra nettunese della società sportiva Busen è stata oggetto la scorsa notte di un furto che le stesse vittime considerano “deplorevole e privo di ogni barlume di intelligenza“.

Tra gli oggetti trafugati, spiegano dal Busen attraverso un comunicato, un computer, dell’oggettistica espositiva appartenente a uno sponsor e il defibrillatore che la società teneva a disposizione per ogni evenienza.

Inutile spiegare quanto questo strumento sia importante, utile e vitale – spiegano dal Busen –
la nostra palestra è frequentata da giovani e giovanissimi che ovviamente sono ben lontani dal doversi preoccupare di avere un defibrillatore nelle vicinanze, ma il nostro senso morale oltre che la legge, prevede che questo sia parte integrante di una struttura sportiva come la nostra. Non riusciamo a capacitarci di come sia possibile che qualcuno, nel 2023, ancora non comprenda quanto sia dannoso, per se stesso e per gli altri, rubare uno strumento salvavita dedicato alla comunità. Un gesto ignobile quanto stupido e autolesionista“.

Dalla Busen chiedono quindi solidarietà e fanno al contempo un appello nei confronti dei responsabili perché restituiscano quanto rubato: “Con questo furto la nostra associazione subisce un duro colpo, materiale e ancor di più morale, che necessita di vicinanza e solidarietà incondizionata da parte di tutta la comunità. Tutti ci interroghiamo su cosa possa farsene, un ladro, di una refurtiva simile, dal momento che è quasi impossibile ricettare un defibrillatore numerato e codificato e le autorità sono già al lavoro per questo. Pertanto, facciamo appello di restituire questo importante strumento che, prima di appartenere alla Busen, appartiene di diritto alla società civile in cui viviamo“.