Home Cronaca Nettuno, “Meat in chocolate”: la cioccolata incontra la selvaggina ed è amore...

Nettuno, “Meat in chocolate”: la cioccolata incontra la selvaggina ed è amore a prima vista

623
0

di Iolanda Bastoni

E’ nata dall’idea dello chef e patron del ristorante “Genesi” di Nettuno, Matteo Gerardi e dell’amico di sempre Valerio Esposito, cioccolatiere e proprietario della cioccolateria “Divino” di Aprilia e dalla voglia di creare nuovi accostamenti utilizzando i prodotti del territorio, la cena organizzata ieri venerdì 24 febbraio nel locale di Via Olmata che si è rivelata anche per i più scettici, un vero e proprio evento degustativo.

Entrambi giovanissimi, i due amici, hanno pensato e realizzato insieme il menu con quell’orgoglio di appartenenza al territorio che gli fa onore e quella passione tipica della loro giovane età ma con la sapienza e la maestria dei grandi della cucina italiana presentando piatti con accostamenti a volte audaci ma sempre riuscitissimi e dando vita ad un vero e proprio viaggio virtuale tra i sapori classici del territorio ed i sapori esotici, evocati sapientemente anche dal sapore e dall’estetica del cioccolato, curata da Jennifer Boero, moglie di Valerio Esposito.
Aperitivo di benvenuto con il gin della Palude, ottimo liquore anch’esso frutto dell’ingegno dei due ragazzi prodotto utilizzando l’eucalipto, pianta molto presente nel nostro territorio accompagnato da deliziosi finger food. E poi a seguire dalla “Faraona alla Wellington con cremino di olio evo selezione Anna Bulgari”, al “Foie gras, quinoa, porcini e fave di cacao monorigine Tanzania”, al “Fusillone con ragù di anatra e lamelle di cioccolato al caprino” fino ad arrivare al “Filetto di cervo con demi glace e monorigine Nicaragua”, è stato un tripudio di sapori in un crescendo armonico veramente di grande qualità.
Dulcis in fundo, il “Semifreddo tre cioccolati: bianco mandorla, latte nocciola e fondente monorigine Uganda” e la selezione di praline e cioccolati monorigine realizzate alla perfezione, accompagnati dall’ottimo rhum sempre prodotto da Valerio e Matteo, proveniente dalle Isole Reunion che viene affinato per 8 mesi con le fave di cacao.