Home Cronaca Nettuno, il Comune chiede l’acquisizione di immobili confiscati alla criminalità organizzata

Nettuno, il Comune chiede l’acquisizione di immobili confiscati alla criminalità organizzata

64
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

Il Comune di Nettuno pronto ad intervenire su altri beni immobili confiscati alla criminalità organizzata e a destinarli a scopi sociali. Dopo l’acquisizione della villa di via Chianciano, destinati alla Nati2 Volte Onlus, e di un altro immobile in fase di ristrutturazione, il Comune, con delibera del Commissario Straordinario Bruno Strati, ha partecipato ad una manifestazione di interesse per l’acquisizione di altri quattro beni sequestrati alla criminalità organizzata. Si tratta di un terreno agricolo, una villa, e due magazzini che saranno utilizzati per finalità sociali o istituzionali.

Che beni frutto dell’illegalità tornino allo Stato e vengano messi a disposizione della collettività è la risposta più forte che possiamo dare alla criminalità organizzata – spiega il Commissario Strati – l’iter per l’acquisizione è complesso, ma questo Ente e le professionalità che lo costituiscono hanno dato dimostrazione di avere le giuste capacità per portare a termine questo percorso burocratico. A settembre abbiamo consegnato una casa pronta all’uso alla Nati2Volte Onlus, un luogo accogliente in cui ragazzi speciali possono finalmente vivere momenti di socialità con i loro compagni e le loro famiglie. Un’altra villa è in fase di ristrutturazione e sarà presto consegnata e con queste altre quattro manifestazioni d’interesse vogliamo dare ulteriore dimostrazione che lo Stato è più forte della Mafia”.