CONDIVIDI
Il gol decisivo di Giuliano Regolanti dal dischetto
Bergami IMMOBILIARE

E’ Giuliano Regolanti a decidere dal dischetto al 45′ del secondo tempo il derby tra il Nettuno e l’Anzio. La gara disputata a porte chiuse sul campo del “De Franceschi”  su disposizione della Questura di Roma, non ha comunque demoralizzato i propri sostenitori che sono accorsi e a sistemarsi dalla parte opposta dall’ingresso, fuori dalla recizione. Erano circa 200 i spettatori dietro alle rispettive panchine, più una ventina sui balconi dei palazzi che si affacciano sul campo. All’interno, senza potersi sedere sulle tribune circa 50 persone tra giornalisti, dirigenti e componenti dello staff di entrambe le società. Dunque in qualche modo non è mancato il pubblico con un sostanzioso spiegamento delle forze dell’ordine a presidiare l’impianto inacessibile ai tifosi e senza alcun problema. La gara è stata bella a avvincente con le due formazioni pronte a darsi battaglia. Da una parte il Nettuno ha prediletto il gioco veloce sulle fasce, mentre l’Anzio si è affidato alla manovra. Il primo acuto è di marca anziate al 20′ con la punizione di Celli finita di poco a lato. Un minuto dopo il vantaggio del Nettuno: cross da destra di Sbordone in area, tiro sulla corta distanza di Loria seguita dalla grande respinta di Rizzaro e sulla ribattuta Cioè infila in rete. L’Anzio non si disunisce, anzi va subito alla ricerca del pareggio. Al 28′ la mezza girata di Fusaroli viene respinta in volo sotto la traversa da Bracconi e qualche secondo dopo arriva il pareggio anziate con il delizioso tocco con il tacco destro di Giordani in area che spiazza tutti (qualche secondo prima sulla medesima azione il portiere nettunese va addosso a Regolanti tra le proteste degli anziati). Al 32′ l’Anzio va vicino al raddoppio ma la conclusione di Regolanti è respinta sulla linea di porta da Andrea Ronci. Al 10′ della ripresa Anzio ancora pericoloso: cross di Giordani dalla sinistra sul secondo palo e Screti di un soffio arriva in ritardo all’appuntamento con la palla. Il Nettuno torna in vantaggio al 28′. Caronti libera Sbordone al limite dell’area con il tiro a giro in rete nonostante Rizzaro riesce a toccare la sfera. Sbordone ci riprova al 32′ ma questa volta trova Rizzaro ad allungarsi a terra e respingere. Al 35′ l’Anzio pareggia ancora. Dalla bandierina Gamboni scodella in area e Fusaroli salta più in alto di tutti per incornare nella rete. Al 41′ Sbordone dalla sinistra mette la palla al centro ma Andrea Ronci manca una ghiotta occasione per riportare il Nettuno in vantaggio spedendo la palla fuori. Al 44′ Gamboni va via sulla destra e il cross in area viene stoppato dal braccio di Valentini in scivolata: calcio di rigore. Dal dischetto Regolanti spiazza Bracconi (45′). Nel finale, al 51′, la conclusione da fuori di Cioè viene respinta in volo da Rizzaro che mette in ghiaccio la vittoria dell’Anzio.

NETTUNO – ANZIO 2-3

MARCATORI: 21’pt Cioè (N), 28’pt Giordani (A), 26’st Sbordone (N), 35’st Fusaroli (A), 45’st Regolanti rig. (A)

NETTUNO: Bracconi, D’Auria, Valentini, Ronci A. Scardola, Cioè, Piro (24’st Caronti), Pallocca, Nanni (19’st Screti), Loria, Sbordone. A disp: Giraldi, Ronci M. Serrato, Attianese, Cavallin, Castro. All:Panicci.

ANZIO: Rizzaro, Buatti, Irkov, Falessi (35’pt Ruggieri), Fusaroli, Celli (33’st Gamboni), Bencivenga (19’st Capolei), Gennari (33’st Paglia), Regolanti, Giordani, De Gennaro. A disp: Papagna, Galati, Poltronetti, Colantuono, Fazari.  All: Guida

ARBITRO: Salomone di Bari
ASSISTENTI: Agostino di Roma1 e Cocciolo di Roma2

NOTE: Ammoniti: D’Auria (N), Scardola (N), Piro (N), Nanni (N), Screti (N), Fusaroli (A), Regolanti (A). Angoli: 4-6. Recupero: 1’pt, 5’st.