Home Cronaca Anzio – emergenza Nautico, nuovo vertice in Comune: l’obiettivo è riaprire in...

Anzio – emergenza Nautico, nuovo vertice in Comune: l’obiettivo è riaprire in sicurezza la sede di piazza Zemini entro fine ottobre

216
0

Eseguire i lavori di messa in sicurezza dell’ex Pretura in piazza Zemini ad Anzio, dichiarata inagibile nel luglio scorso, per consentire entro fine ottobre agli alunni dell’Istituto nautico “Marcantonio Colonna” di rientrare nella loro scuola, interrompendo così le lezioni che dall’inizio dell’anno scolastico si stanno svolgendo dalle 14 alle 18 nelle aule del professionale “Apicio-Gatti” di via Filibek. È quanto emerso in un nuovo incontro tenutosi questa mattina in Comune tra il sindaco di Anzio Candido De Angelis, il direttore dell’Ufficio scolastico regionale Michela Corsi, la dirigente scolastica del Nautico, rappresentanti di studenti e genitori. Assente Città metropolitana che ha competenza sugli edifici scolastici delle scuole superiori. Nell’incontro è stato comunicato che la Prefettura ha dato la disponibilità a mettere a disposizione dei locali presso i quali trasferire l’archivio del Tribunale di Velletri che si trova nel seminterrato dell’ex Pretura sede del nautico fino a luglio; e questa è una buona notizia in quanto lo sgombero dell’archivio rappresenta la condizione essenziale per consentire al Comune, proprietario dell’immobile, di procedere all’esecuzione dei lavori di messa in sicurezza. De Angelis ha dato anche la disponibilità a provvedere al trasferimento dell’archivio, assicurando un impegno finanziario sul bilancio comunale di cinquantamila euro per i lavori da eseguire. Mercoledì a mezzogiorno è previsto un sopralluogo insieme a Città metropolitana per verificare gli interventi necessari per riaprire l’ex Pretura di piazza Zemini. L’intenzione è di far rientrare subito i ragazzi del biennio, che andrebbero ad occupare le aule al primo piano, e poi, via via, gli altri. Se fosse necessario più tempo per l’esecuzione dei lavori, De Angelis ha confermato la volontà di trovare aule in edifici scolastici cittadini della scuola dell’obbligo da destinare agli studenti del nautico, con orario mattutino. «Vogliamo avere la certezza di non dover fare lezione il pomeriggio – spiega un rappresentante degli studenti – e di poter rientrare nella nostra scuola». Per tenere alta l’attenzione venerdì mattina gli studenti gli studenti manifesteranno anche sotto gli uffici di Città metropolitana a Roma.