Home Cronaca Una chiesa per Santa Maria Goretti in Libano

Una chiesa per Santa Maria Goretti in Libano

63
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

Santa Maria Goretti protagonista anche in Medio Oriente. E’ stata inaugurata infatti, da pochi giorni, una chiesa a lei dedicata nella città di Miziara, nel nord del Libano, a 120 chilometri dalla capitale Beirut. La sua nascita è dovuta all’iniziativa dei genitori di Raja Chidiach, ragazza di 26 anni uccisa a coltellate nel 2017 durante un tentativo di violenza sessuale il giorno prima delle sue nozze. I due genitori, distrutti dal dolore, sono venuti a conoscenza della storia di Santa Maria Goretti e hanno deciso di venire in Italia per sapere di più sulla sua storia. Hanno quindi visitato Corinaldo, Nettuno e Paliano, i tre luoghi in cui visse la santa e da questo dolore che si provavano e continuano a portarsi addosso è nato un modo diverso per ricordare la figlia: cattolici maroniti praticanti e con buone possibilità economiche avendo attività nel settore petrolifero, hanno deciso quindi di costruire nella loro città una chiesa dedicata alla santa bambina e in ricordo della loro figlia.
A raccontare la loro esperienza è padre Giovanni Alberti, presente all’inaugurazione della struttura insieme a delle delegazioni delle tre città che i genitori avevano visitato in Italia. “Santa Maria Goretti è un po’ l’ambasciatrice di Nettuno nel mondo – ha spiegato padre Alberti – l’ho visto in tante nazioni e adesso anche in Libano. In molti in occasione dell’inaugurazione, che è stata davvero una festa corale, ci hanno chiesto della nostra città e delle sue caratteristiche”.
La chiesa, consacrata dal cardinale Mar Béchara Boutros Rai, patriarca di Antiochia e di tutto l’Oriente peri Maroniti, ha la forma di una grande rosa e sul sagrato presenta tre grandi colonne che ricordano tre candele, in uno dei quali è stato tumulato il corpo di Raja. Durante l’inaugurazione e la consacrazione il rettore del Santuario nettunese padre Carlo ha portato in processione una reliquia di Santa Maria Goretti, deposta poi all’interno della chiesa. E’ stata messa in un ostensorio e messa in mostra per tutti i fedeli, così da rappresentare anche un pezzetto di Nettuno in Libano.