Home Lifestyle La domanda di portafogli hardware per le criptovalute aumenta: perché è così?

La domanda di portafogli hardware per le criptovalute aumenta: perché è così?

31
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

La domanda di portafogli hardware per le criptovalute aumenta: perché è così?

 

In Russia, a causa delle sanzioni imposte dalla guerra contro l’Ucraina, la domanda di portafogli hardware per le criptovalute è notevolmente aumentata nel corso della scorsa primavera. Queste operazioni hanno portato ad un forte incremento del valore Dogecoin che, al momento della stesura di questo articolo, vale 0,065 dollari per moneta.

L’aumento del prezzo dei portafogli crittografici in Russia

I crypto wallet hardware sono dispositivi che generano chiavi segrete e firme digitali delle transazioni offline, consentendo di condurre operazioni con criptovaluta: acquistare, conservare o vendere token. Molto spesso sono molto simili unità USB o a delle schede di plastica di grandezza simile a quella di una carta di credito.

Le domande di portafogli crittografici da parte di utenti russi tra marzo e aprile 2022 sono cresciute di ben otto volte rispetto ai periodi precedenti. Ciò ha portato anche ad un incremento delle azioni per comprare Dogecoin.

Una nota catena di negozi di vendita al dettaglio di elettronica in Russa, M.video-Eldorado, solo alla fine dello scorso anno aveva inserito la vendita di crypto wallet fra i suoi servizi. Durante i primi mesi del 2022 ha evidenziato un forte incremento di ben otto volte delle richieste dei portafogli crypto e delle operazioni per comprare Bitcoin.

In base a quanto riferito dai rappresentanti di Tangem, il grande incremento della richiesta da parte dei consumatori dei portafogli e di come comprare Bitcoin, potrebbe anche essere dovuto all’introduzione sul mercato di prodotti con un prezzo inferiore e, quindi, più convenienti.

Secondo altri esperti il picco della domanda di portafogli crittografici e delle operazioni di Bitcoin comprare potrebbe anche essere dovuto dalla gamma più ampia di prodotti.

Mikhail Burmistrov, CEO di Infoline-analytics, sostiene che questo forte incremento sia anche dovuto al deflusso di specialisti dell’informatica dalla Russia. La maggior parte di questi professionisti, infatti, deve aver comprato criptovalute, effettuando molti investimenti nell’acquistare Bitcoin, assieme ai dispositivi per la loro conservazione.

In base ad altri studi, vi è stato un incremento di quasi cinque volte della domanda di portafogli Ledger a livello mondiale, oltre che delle ricerche su dove comprare Bitcoin, che sono stati dovuti alle recenti problematiche che hanno riguardato l’ecosistema Terra e delle società, come Celsius, che effettuano prestiti in monete virtuali.

Le restrizioni estere imposte alla Russia hanno fatto aumentare i tempi di evasione dei bonifici SWIFT verso l’estero, così come le commissioni bancarie. Inoltre, vi è una maggiore difficoltà nell’apertura di un conto presso banche estere per i cittadini russi. Queste condizioni, secondo quanto aggiunto da Mikhail Burmistrov, CEO di Info-analytics, hanno portato molte persone a ritirare i loro risparmi e ad acquistare criptovalute.

Infine, questo notevole incremento nella domanda di portafogli crypto potrebbe essere dovuto alla politica crypto-friendly recentemente adottata dal Cremlino. A fine giugno è, infatti, stato approvato un disegno di legge che andrebbe ad esentare chi lavora con le monete virtuali all’interno della Russia (sia direttamente che indirettamente) dal pagamento dell’IVA.