Home Cronaca Nettuno, stasera a Teatro Spazio Vitale concerto di Roberto Casalino, ospite Mauro...

Nettuno, stasera a Teatro Spazio Vitale concerto di Roberto Casalino, ospite Mauro Iandolo

111
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

di Rosanna Consolo

Sul palcoscenico di Sanremo 2020 accadde qualcosa di inedito che tuttora lega il Teatro Ariston a Nettuno: la canzone “Dov’è” della rock band “Le Vibrazioni” fu lo spazio artistico di un’operazione culturale innovativa che pose insieme gli strumenti, la voce e la Lingua dei Segni Italiana grazie al LIS Performer Mauro Iandolo, di Nettuno. Noto in tutta Italia, con sensibilità artistica e competenza professionale, Mauro tradusse e interpretò in LIS il bellissimo testo e la musicalità di “Dov’è”, brano scritto da Roberto Casalino, Francesco Sarcina, Davide Simonetta.

Torniamo a parlarne perché questa sera alle 21 al ‘Teatro Spazio Vitale’ di Nettuno ci sarà il concerto-evento “Il Fabbricante di Ricordi” di Roberto Casalino, cantautore oltre che uno dei migliori autori italiani che ha firmato brani di enorme successo per numerosi cantanti, fra gli altri Tiziano Ferro, Marco Mengoni (è di Casalino il brano “L’essenziale” con cui vinse Sanremo), Giusy Ferreri, Alessandra Amoroso.

La sera del 16 ci sarà anche il ‘nostro’ Mauro e ad averlo annunciato è stato proprio Casalino dai suoi canali social: “Mauro Iandolo, interprete e performer LIS, è colui che ha reso ancor più poetica e magica DOV’È sul palco del Festival di Sanremo 2020. Sono felicissimo di averlo come ospite speciale al mio concerto del 16 Luglio a Nettuno”.
Il successo di quel brano al Festival fu nel mix di un testo importante, una melodia coinvolgente e della performance sinergica fra la voce di Francesco Sarcina – frontman della band – e la performance di Mauro Iandolo che al brano portò in dote l’evidenza e il significato visivo-gestuale della Lingua dei Segni donando inoltre l’incanto degli occhi a milioni di spettatori. Si può dire che il brano “Dov’è” abbia rotto “il muro del suono” per le persone sorde ponendo accanto due canali comunicativi conciliabili e contribuendo anche a far ripartire un dibattito intorno all’accessibilità della cultura.

Sul palco del 16 saliranno anche altri artisti, fra i quali Patrizio Piraino che dirige il ‘Circo Nero Italia’ e Zaira Greifemberg del ‘Centro Artistico il Girasole’ di Nettuno.