Home Lifestyle Pizza per dieta: 3 opzioni per la scelta

Pizza per dieta: 3 opzioni per la scelta

190
0

Se si segue una dieta, la pizza non è sicuramente tra le pietanze che si possono mangiare tutti i giorni, ma a volte si può introdurre un paio di volte a settimana. Il segreto, in questo caso, è scegliere un impasto e un condimento leggero per non rinunciare al gusto unico della pizza.

Ovviamente, sarà il nutrizionista a consigliare quando e come potersi concedere una bella pizza. D’altronde, è davvero difficile resistere al profumo di una pizza appena sfornata e farla in casa, poi, regala anche tanta soddisfazione.

Le scelte migliori per mangiare la pizza quando si è a dieta

Concedersi la pizza una o due volte a settimana fa bene al palato, ma anche al benessere mentale, senza andare poi ad appesantire troppo la linea. Quello che conta, però, è scegliere gli ingredienti e i condimenti giusti. Inoltre, è consigliabile preferire una pizza fatta in casa se si vogliono ridurre grassi e calorie e che offre anche maggiore libertà nella scelta degli ingredienti. Ad esempio, si potranno scegliere pomodori a km0, farine integrali o ai cereali, ricche di fibre e con un minore indice glicemico e limitare i condimenti come olio e sale.

Inoltre, preparare la pizza a casa permette anche di scegliere la quantità dell’impasto e magari concedersi una pizza formato ridotto che aiuta a limitare l’assunzione di calorie e grassi.

La pizza margherita, il gusto della tradizione

La pizza margherita è sicuramente la “regina” delle pizze, d’altronde fu preparata a Napoli in onore della regina Margherita di Savoia, ed è anche un buon compromesso tra gusto e leggerezza. Infatti, sia che si scelga la versione con fiordilatte che quella con mozzarella di bufala campana, si assumeranno circa 810 alle 813 calorie totali. Inoltre, la mozzarella arricchisce la pizza con un buon apporto proteico, utile anche per chi pratica attività sportiva. Un paio di foglie di basilico fresco, messe a crudo, renderanno questa pizza profumata e ancora più gustosa.

Per renderla più leggera si può utilizzare una farina integrale e limitare l’olio utilizzato come condimento.

Pizza marinara, semplice e veloce

La pizza marinara è una delle versioni più semplici: infatti, il condimento prevede sugo, origano, aglio e acciughe. Per limitare l’assunzione di sale che causa ritenzione idrica e per chi non ama il pesce, si può realizzare anche la pizza napoletana che, appunto, non prevede le acciughe, ma possono essere aggiunti dei capperi. L’apporto calorico della pizza è di circa 750 calorie.

Ortolana, una pizza ricca di verdure

Chi segue una dieta deve assumere anche fibre e vitamine che si trovano nelle verdure. Ecco perché la pizza ortolana è una di quelle maggiormente consumate da chi desidera tenere sotto controllo il peso. Per renderla più leggera, meglio utilizzare verdure grigliate al posto di quelle saltate in padella o fritte.

Melanzane, zucchine, pomodori e peperoni possono essere utilizzati per condire sia la pizza con base di mozzarella, sia una focaccia senza formaggio. Le calorie della pizza ortolana sono circa 780.