Home Cronaca Nettuno, l’agenda verde per la città: le proposte del consigliere Antonio Taurelli

Nettuno, l’agenda verde per la città: le proposte del consigliere Antonio Taurelli

189
0

Valorizzare il bosco di Foligno con percorsi naturalistici, fruire del parco di villa Borghese, realizzare una pista ciclabile lungo il confine del poligono. Sono riflessioni e proposte del consigliere comunale Antonio Taurelli del Patto per Nettuno in un momento di crisi per l’amministrazione comunale, dove si discute molto dei problemi legati al lavoro della commissione d’indagine, ma poco di temi concreti.

“Il bosco di Foglino – scrive il consigliere Taurelli in una nota – è un luogo incantevole da proteggere centimetro per centimetro. Se ci fossero dei sentieri e delle indicazioni potrebbe diventare una meta per escursionisti e amanti della natura, un’attrattiva per un turismo sostenibile e di qualità. Possibile che non si riesca a organizzare una rete di percorsi? Possibile che non si riesca a predisporre un sistema di telecamere funzionanti per evitare il costante abbandono dei rifiuti? Tutte le forze politiche – continua Taurelli – dovrebbero chiarire qual è il loro progetto ambientale, se ne hanno uno. È cruciale mettere al centro un’agenda verde per la Città per la valorizzazione dei siti di rilievo naturalistico, anche quelli non di proprietà del Comune. Questo sarebbe un dibattito politico serio che ad oggi non vedo. Perché non riflettere, per esempio, su una convenzione che renda fruibile al pubblico parte dei giardini di Villa Borghese per realizzare un parco cittadino? Non è secondaria – continua il consigliere del Patto per Nettuno – neanche l’idea di una pista ciclabile sul confine con il Poligono, per cui un’associazione di cittadini sta lavorando seriamente e con dedizione nell’ambito del progetto per salvare Torre Astura. Sulla capacità di ridisegnare un paesaggio armonico con la natura si gioca il futuro della nostra Città. La mancanza di aree verdi fruibili, ma ancora di più la mancanza di un dibattito su questo – conclude Taurelli -, mi sembra una delle questioni più urgenti e gravi da risolvere”.