Home Cronaca Capo d’Anzio, avviso di sfratto per i trentotto pescatori sportivi della banchina...

Capo d’Anzio, avviso di sfratto per i trentotto pescatori sportivi della banchina nord

655
0

Avviso di sfratto per i trentotto diportisti dell’Associazione pesca sportiva di Anzio che con le proprie imbarcazioni occupano da anni alcuni ormeggi lungo la banchina nord della piccola pesca. Entro il 15 febbraio dovranno liberare i punti di attracco. La decisione di rivedere la loro posizione nell’area del bacino portuale è stata presa da Capo d’Anzio che sta cercando di ottimizzare le entrate per cercare di riequilibrare la grave posizione debitoria della società stessa.

Durante la ricognizione delle aree del porto date in concessione dalla Regione Lazio a Capo d’Anzio, è stata accertata la posizione anomala dei soci dell’Associazione pesca sportiva che dalla fine del 2010 pagano una cifra irrisoria – dieci euro al mese, 120 euro l’anno – per poter tenere attraccate le loro imbarcazioni alla banchina nord; si tratta di spazi che condividono con i pescatori della piccola pesca che invece svolgono l’attività come professione e non come passatempo e che già lo scorso anno erano stati censiti dalla società.

A gennaio Capo d’Anzio aveva inviato una nota agli stessi diportisti dell’associazione intimandoli a liberare entro il 7 febbraio gli ormeggi perché, secondo la società, occupati abusivamente. Questa data è poi slittata a metà febbraio, ma lo sgombero sembra inevitabile. La posizione di Capo d’Anzio finalizzata a liberare quegli ormeggi è molto netta ed è condivisa dall’amministrazione comunale anziate che non ha proprio intenzione di fare alcuna mediazione tra la società e l’associazione.