Home In evidenza Nettuno: sono ben 9 i milioni vincolati sul bilancio comunale non spesi...

Nettuno: sono ben 9 i milioni vincolati sul bilancio comunale non spesi per i piani sociali di zona

323
0

Sorpresa, amara sorpresa. Non sono 3 i milioni dei piani di zona sociali che il Comune di Nettuno ha vincolato al proprio bilancio, ma ben 9. I 6 milioni in più rispetto a quelli indicati dall’amministrazione comunale nettunese, sono emersi oggi durante un incontro tra i due sindaci, gli assessori ai Servizi sociali e i dirigenti delle aree. Alla luce di questa clamorosa novità sono stati annullati tutti gli atti che il consiglio comunale di Nettuno aveva adottato nella fase di passaggio del capofilato al comune di Anzio. Un epilogo clamoroso che ha portato tutta l’opposizione nettunese ad emanare un duro comunicato e a chiedere le dimissioni del sindaco Alessandro Coppola.

“La telenovela sul passaggio del capofila dei piani di zona non solo non è terminata, anzi, riparte da zero – scrivono i consiglieri di opposizione -. Sì, è proprio così, l’incontro di oggi tra i comuni di Nettuno e di Anzio ha certificato proprio questo, ovvero che da domani si azzera tutto e si ricomincia da capo a scrivere la convenzione. Tutte le delibere votate fino ad oggi sono carta straccia. I numeri dati finora erano assolutamente indicativi (così viene detto in una comunicazione tra dirigenti). Quindi? Il consiglio comunale è stato preso in giro con conseguenze piuttosto serie. I consiglieri comunali di maggioranza – continua la nota – hanno votato per ben due volte delle delibere che, alla luce di quanto emerso oggi, hanno cifre che non si avvicinano nemmeno lontanamente alla realtà. Ciò comporta il serio rischio che ora coloro che votarono a favore, fidandosi di sindaco ed assessore, potrebbero essere chiamati a rispondere personalmente ed economicamente per questo macroscopico errore che provvederemo a segnalare alle autorità di verifica contabile. Un abnorme mancanza di rispetto per chi è stato eletto dal popolo con il beneplacito del sindaco Coppola. Perché diciamo che i numeri erano lontanissimi dalla realtà? – si chiedono i consiglieri – Perché dalla riunione di oggi è uscito fuori che il comune di Nettuno dovrà trasferire qualcosa come 6 milioni in aggiunta agli oltre 3 milioni già noti per i quali si parlava di tranche da 600 mila euro. Ci chiediamo ora da dove escano questi 6 milioni dei quali non si è mai parlato e che quindi non sono stati spesi finora. Eppure di cose da fare ce n’erano un’enormità. Un esempio tra tutti è la nota graduatoria dei beneficiari degli assegni per disabilità gravissime che vede ancora moltissime famiglie in attesa che venga ampliata la platea. Ma di questioni ovviamente ce ne sono una miriade eppure quei soldi sono rimasti incredibilmente in cassa senza essere utilizzati e senza che i consiglieri comunali ne fossero messi a conoscenza. Non ci sono più parole. Il sindaco Coppola – attacca la nota – deve dimettersi e con lui tutta la banda che suona il suo pessimo concerto quotidiano. Ormai è chiara l’incapacità di questa maggioranza e l’enorme distanza dai bisogni veri e concreti dei cittadini che oggi sono spettatori e vittime di questa vergognosa vicenda. La nostra città ha bisogno di un’altra classe politica”.

A firmare il duro documento politico i consiglieri Roberto Alicandri, Luigi Carandente, Marco Federici, Daniele Mancini, Waldemaro Marchiafava, Antonello Mazza, Mauro Rizzo, Simona Sanetti, Antonio Taurelli, Enrica Vaccari.