Home Cronaca Nettuno, domani lutto cittadino e camera ardente per ricordare Antonio Taurelli

Nettuno, domani lutto cittadino e camera ardente per ricordare Antonio Taurelli

4
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

Domani sarà lutto cittadino a Nettuno dove il Comune ha deciso di allestire la camera ardente per dare l’ultimo saluto ad Antonio Taurelli ex consigliere comunale, e reduce della seconda guerra mondiale nella quale, poco più che adolescente, combatté al fianco degli alleati nei giorni seguenti lo Sbarco sulle coste del nostro litorale. Questa mattina, con apposito decreto il sindaco Alessandro Coppola ha conferito la cittadinanza onoraria ad Antonio Taurelli. Per domani 18 novembre, giorno in cui si terranno i funerali, è stato proclamato il lutto cittadino e sarà allestita la camera ardente presso il Comune di Nettuno.

“Oggi per Nettuno è un giorno di lutto e di profonda tristezza – dichiara il Sindaco Alessandro Coppola – con lui se ne va un pezzo della nostra storia e sarà nostro compito portare avanti l’inestimabile operazione di conservazione e divulgazione della memoria storica che Antonio Taurelli portava avanti senza sosta nella nostra città. Sarà immensamente triste non averlo a fianco durante le cerimonie per ricordare chi ha perso la vita per la nostra libertà, o incontrarlo per scambiare opinioni o ricordare il passato. Era sempre il primo a portare un fiore ai soldati americani caduti che riposano al Cimitero Americano – continua il sindaco – ed il primo ad incontrare i bambini e i ragazzi delle nostre scuole per impedire che il tempo cancellasse il ricordo e gli orrori della guerra. Il pensiero e la mia vicinanza vanno al Consigliere Comunale Antonio Taurelli, suo nipote, ai suoi figli e a tutti i suoi cari. Il loro lutto oggi è anche il nostro, l’intera comunità nettunese piange la scomparsa di “Nonno Taurelli”. Ciao Antonio, ci mancherai”.

Questa la motivazione del conferimento della cittadinanza onoraria ad Antonio Taurelli:
“Ad imperitura memoria per le azioni di alto valore e coraggio in cui si è distinto in svariate azioni di combattimento durante l’ultimo conflitto mondiale, combattendo a fianco degli americani, riconosciuto partigiano combattente, contro i nemici nazifascisti, a vantaggio della Nazione e della nostra comunità. Impegnandosi tutt’oggi nell’opera di conservazione e promozione della memoria storica, collaborando con le scuole per diffondere momenti di rievocazione storica degli episodi che hanno coinvolto la nostra città durante la seconda guerra mondiale, da cui ha avuto origine il nuovo Stato Italiano, finalmente libero e democratico, portando lustro all’immagine della Città di Nettuno”.