Home Cronaca Anzio, denuncia penale per danneggiamento a chi ha disegnato i giochi sul...

Anzio, denuncia penale per danneggiamento a chi ha disegnato i giochi sul vialetto di Via delle Bouganville

246
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

E’ polemica tra l’assessore del comune di Anzio Gianluca Mazzi e il movimento Alternativa per Anzio che domenica scorsa, oltre a bonificare il parco di via della Bouganville a Lavinio, ha anche realizzato dei disegni sul vialetto di cemento del parco stesso. Disegni che, nelle intenzioni del movimento, dovrebbero essere un percorso di giochi per bambini. Il maltempo ha però impedito che il lavoro potesse essere completato. Ma questo ha alimentato una polemica tanto è vero che l’assessore Mazzi ha inviato agenti della polizia locale a verificare “l’imbrattamento“ del vialetto. La situazione è molto seria, considerato che questa mattina dal comando della polizia locale di Anzio si sta procedendo con una denuncia penale per imbrattamento e danneggiamento di bene pubblico nei confronti di chi ha realizzato i disegni.
Sulla vicenda Alternativa per Anzio non ha perso tempo e ha puntualizzato la propria posizione.
“È singolare – scrive il movimento in una nota – che l’Assessore Mazzi si indigni di fronte ad un’iniziativa messa in campo dalla nostra associazione per accendere i riflettori sull’incuria e la totale disattenzione che l’amministrazione riserva alla città. Domenica mattina diversi cittadini (tra cui alcuni ragazzi), si sono dati appuntamento presso il parco di Via delle Bouganville a Lavinio con l’intento di pulire l’area dall’immondizia. Qualcuno dei partecipanti – continua Alternativa per Anzio – ha avuto l’idea di organizzare un torneo di basket ed arricchire l’evento disegnando a terra giochi per bambini. Purtroppo, la pioggia non ha consentito di proseguire l’iniziativa, che è stata rinviata.
L’inutile ed inopportuna polemica dell’assessore Mazzi, che ci accusa sui social di “danneggiamento ad un bene pubblico”, offende non solo noi ma tutti i cittadini che con spirito propositivo tentano di dare dignità al proprio quartiere. L’assessore (o chi per lui) ha notato i disegni su un vialetto di cemento, appena iniziati e realizzati con pittura ovviamente non indelebile, che quindi spariranno nel giro di qualche giorno. Ma forse – continua il Movimento – non ha notato l’immondizia che da mesi, anzi, da anni infesta non solo il parco in questione, che peraltro non è dotato di contenitori per la raccolta differenziata, ma tutta la città. Gentile Assessore Mazzi, vorremmo replicare l’iniziativa appena possibile e se vorrà potrà venire a verificare di persona che non ci sono vandali né “zozzoni”, ma persone che nonostante tutto amano la propria città e vorrebbero vederla migliore di quanto voi la state lasciando. Se questo è un reato, ci denunci pure”.