Home Cronaca Anzio, il Paradiso sul Mare 100 anni dopo: il convegno sui lavori...

Anzio, il Paradiso sul Mare 100 anni dopo: il convegno sui lavori a Villa Sarsina

303
0
paradiso sul mare

Venerdì scorso si è tenuto presso la sala consiliare di Villa Sarsina, ad Anzio, il convegno “Il sogno del paradiso sul mare 100 anni dopo: 1919-1924; 2019-2024” inerente ai lavori di restauro progettati per il Paradiso sul Mare, che si svolgeranno grazie al finanziamento di 8 milioni di euro stanziato lo scorso anno dal Ministero delle Infrastrutture.

In apertura di conferenza, l’assessore comunale Laura Nolfi, ha ribadito che l’immobile continuerà a ospitare l’istituto alberghiero e diventerà Palazzo della cultura. La parola poi è passata al Dott. Luigi Lancetti Sportello, il quale ha inquadrato il contesto storico ai tempi della nascita dell’immobile e ha raccontato la storia di Giuseppe Polli, l’imprenditore che costruì, appunto, l’edificio. Dopodiché l’architetto Cesare Puccillo ha spiegato la struttura del Paradiso, con riferimenti eclettici e richiami stilistici ad altri edifici, mentre l’architetto Eugenia Vari ha presentato la sua tesi di laurea del 2019, con oggetto proprio il Paradiso sul Mare, incentrata sulla proposta di un museo del mare e dello sbarco nel piano inferiore, il cosiddetto Momus. Claudio Tondi, inoltre, ha ricordato l’impegno suo e di molti cittadini, che nel 2016 fecero una campagna mediatica per la raccolta firme per l’iniziativa del FAI, i luoghi del cuore, raggiungendo un grande successo partecipativo.

Il convegno si è concluso con l’intervento dell’architetto Flavio Vasoli, consigliere comunale ad Anzio e capogruppo della lista civica Candido De Angelis, che ha ripercorso l’iter del finanziamento, lo stato delle indagini sui materiali effettuate per lo studio della vulnerabilità sismica, commissionato dalla Città metropolitana di Roma, che sarà un documento basilare per l’avvio della progettazione. Ha esposto, inoltre, il quadro normativo e vincolistico dell’edificio e le successive tappe che si prevedono fino all’avvio dei lavori.