Home Cronaca Anzio fuori dal finanziamento per il litorale: De Angelis fa acceso agli...

Anzio fuori dal finanziamento per il litorale: De Angelis fa acceso agli atti

435
0

Anzio e Nettuno sono rimasti fuori dal finanziamento del progetto “Un Mare di Miglioramenti”, per il quale la Regione Lazio ha stanziato 21 milioni di euro. Si tratta di una serie di progetti inseriti nel piano degli investimenti straordinari per lo sviluppo economico del litorale laziale che prevedono rifacimento dei lungomare, miglioramento dell’accessibilità delle spiagge, realizzazione di piste ciclabili e pedonalizzazioni con incremento degli spazi verdi pubblici. Ad essere premiati sono stati i progetti di 15 comuni rivieraschi: Ardea, Cerveteri, Civitavecchia, Fiumicino, Formia, Gaeta, Ladispoli, Minturno, Montalto di Castro, Pomezia, Ponza, Sabaudia, San Felice Circeo, Santa Marinella, Ventotene, Civitavecchia e Santa Marinella con un altro progetto condiviso. Come si può notare scorrendo l’elenco, ad essere rimasti fuori dal finanziamento sono stati non solo Anzio e Nettuno, ma anche Ostia ossia il comune di Roma. Da rimarcare il doppio finanziamento a Civitavecchia e Santa Marinella: un contributo ciascuno e un altro per un progetto presentato congiuntamente.

Il progetto presentato dal comune di Anzio che prevedeva l’ammodernamento della litoranea Ardeatina nel tratto compreso tra Lido delle Sirene e Lavinio è entrato in graduatoria al ventesimo posto, ma non è stato finanziato. Stessa sorte e toccata al comune di Nettuno, più indietro in graduatoria, con un progetto di riqualificazione urbana. Uno smacco che ha spinto il sindaco di Anzio Candido de Angelis a presentare “richiesta urgente di accesso a tutti gli atti regionali per la redazione della graduatoria dei progetti finanziati”. “L’accesso a tutta la documentazione regionale – spiega De Angelis – riveste carattere d’urgenza, anche ai fini della valutazione di azioni a tutela dell’interesse del Comune e della cittadinanza tutta”. Insomma, il comune di Anzio vuole vederci chiaro.