Home Cronaca Anzio, Anna Marracino di Italia Viva in maggioranza: polverone di polemiche nel...

Anzio, Anna Marracino di Italia Viva in maggioranza: polverone di polemiche nel centrodestra

99
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

Grande polverone politico nella maggioranza di centrodestra dopo l’invito del Sindaco di Anzio Candido De Angelis ad Anna Marracino di Italia Viva a entrare in maggioranza. In poche ore la coalizione è andata in fibrillazione. E’ intervenuto prima il coordinatore provinciale di Forza Italia Vincenzo Capolei che ha criticato la proposta e chiesto una verifica politica; a seguire è intervenuto Fratelli d’Italia in un comunicato nel quale ha spiegato che l’entrata della Marracino nella coalizione sarebbe stata incompatibile con la linea politica del partito di Giorgia Meloni. Sempre per Fratelli d’Italia l’assessore Laura Nolfi si è invece espressa diversamente, tanto da esprimere parere favorevole all’entrata in maggioranza di Marracino. Una presa di posizione che ha scatenato la reazione di Fli nazionale che ha chiesto alla Nolfi di smentire la posizione pro Marracino pena l’espulsione dal partito. Un intervento sorprendentemente rapido quello di Fratelli d’Italia nazionale che in un anno non aveva speso una parola di solidarietà a favore di Laura Nolfi quando era stata esclusa dalla Giunta dal sindaco De Angelis.
Tra l’altro, proprio di recente, sull’argomento del nuovo asilo nido comunale la Marracino ha lavorato a stretto contatto con l’assessore alle politiche sociali Velia Fontana, anche lei di Fratelli d’Italia.
E per non farci mancare niente, è arrivata anche la dura presa di posizione della consigliera Cinzia Galasso: “Ricordo il consiglio comunale nel quale la collega Marracino, eletta con i voti del Partito democratico, aveva parlato di etica politica criticando neanche troppo velatamente la mia decisione di cambiare gruppo politico pur rimanendo nell’area di centro destra. Ricordo nitidamente con quale enfasi la collega sottolineò che questi balletti politici non facessero il bene della città. Evidentemente l’etica politica e i balletti politici sono un problema solo quando interessano gli altri“.