Home Cultura Anzio, in uscita il volume “Antium, archeologia subacquea e Vitruvio nel porto...

Anzio, in uscita il volume “Antium, archeologia subacquea e Vitruvio nel porto di Nerone”, a cura del prof. Enrico Felici

82
0
CONDIVIDI
E’ illustrato con circa 350 figure, tra grafici e fotografie a colori, il volume “Antium, archeologia subacquea e Vitruvio nel porto di Nerone“, a cura del professor Enrico Felici, docente di Topografia Antica all’Università di Catania, tra i massimi esperti del settore. L’opera, in fase di ultimazione e di prossima pubblicazione,  raccoglie quanto è noto del porto voluto ad Antium dall’imperatore Nerone, inquadrandolo nel più ampio contesto della politica imperiale romana, relativa alle infrastrutture portuali ed ai progressi tecnici che ne consentirono lo sviluppo. E passa in rassegna tutte le fonti utili (letterarie, cartografiche, fotografiche e aerofotografiche), utilizzate per la ricostruzione delle vicende recenti del complesso; ne esamina i criteri di progettazione e la storia della conservazione, ricostruendo così la topografia portuale generale della Antium imperiale. E’ notizia di questi giorni il percorso di collaborazione istituzionale tra la Città di Anzio, il professor Enrico Felici e la EDIPUGLIA, che ha aderito al progetto culturale, promosso dal Sindaco, Candido De Angelis e dal Consigliere Comunale, Flavio Vasoli, con la partecipazione alla commissione del volume scientifico, che vede protagonista un importante sito storico del territorio. “Questo importante progetto culturale ed editoriale – afferma il sindaco De Angelis – sarà finalizzato a mantenere viva la memoria sul nostro glorioso passato e su un bacino portuale, raro esempio di ingegneria marittima“.
L’importante volume, che presenteremo in conferenza streaming agli studenti del territorio, in collegamento con il professor Felici dell’Università di Catania, – afferma l’Assessore alle politiche della Scuola, Laura Nolfisarà destinato alle scuole superiori del territorio ed alle nostre due Biblioteche“.
Nella pubblicazione è presente anche una densa discussione che esamina criticamente un topos della letteratura scientifica, l’opus pilarum, che è stato applicato a tutti i porti romani, il neroniano di Antium fra i primi. L’opera prosegue con un capitolo sull’importante testimonianza archeologica costituita dalle note Arae di soggetto marittimo ritrovate ad Anzio e conservate ai Musei Capitolini. Conclude il volume un capitolo relativo alle strategie annonarie di Nerone. “L’Antium imperiale – comunica il Consigliere Vasoli, promotore del progetto – è il filo conduttore dell’opera scientifica del professor Felici, che conferma la rilevanza strategica e tecnica del porto voluto da Nerone, ai piedi della Villa, luogo di dimora preferito dall’imperatore“.