CONDIVIDI
Progetto Comune
Daniele Mancini

Dopo l’intervista pubblicata la scorsa settimana nella quale l’assessore Claudio Dell’Uomo che racconta delle trame orchestrate nel 2018 con l’ex vice sindaco cinque stelle Daniele Mancini per mandare a casa la passata amministrazione e il sindaco 5 Stelle Angelo Casto, intervengono i consiglieri comunali pentastellati che decaddero.

Una terna a Nettuno: 15 ,4 e 3 #15milacittadininettunesi  #4traditori  #3 annidopolaveritàsvelata

Era una cosa che sapevano pure le pietre della città. Adesso è ufficiale: l’ex assessore Daniele Mancini “guidava la fronda all’interno del gruppo consigliare del Movimento 5 Stelle controllando i quattro che poi si sarebbero dimessi – i 4 ex consiglieri sono Giuseppe Nigro, Simonetta Petroni, Marco Montani e Daniela De Luca -, mentre io facevo riferimento ai consiglieri di minoranza ai quali riferivo costantemente come procedeva l’operazione”. Oggi, a distanza di quasi tre anni, abbiamo raccolto senza nessuna sorpresa le dichiarazioni ufficiali dell’assessore Claudio Dell’Uomo in merito alla trama che aveva organizzato insieme all’attuale consigliere di opposizione Daniele Mancini.  La verità svelata è che 4 ex consiglieri di maggioranza guidati dall’ex assessore Daniele Mancini ha mandato a casa una amministrazione VOTATA da 15 mila cittadini nettunesi. Ora finalmente la domanda che ci venne rivolta molte volte dai cittadini nettunesi a Maggio del 2018, ovvero “Quale fosse il motivo della nostra caduta”, trova una chiara risposta. Questo articolo serve solo affinché si tenga bene a mente ciò che l’assessore Claudio Dell’Uomo ha dichiarato la scorsa settimana in una intervista rilasciata a questo giornale. Di seguito i punti fondamentali:

  • “onestamente (…) non si aspettava un epilogo così repentino della passata legislatura”  “comunque quella che ci ha dato Mancini è stata un’occasione che, come opposizione, abbiamo colto al volo. D’altra parte la minoranza da sola non può certo mandare a casa un sindaco e far sciogliere un consiglio comunale”.
  • “in quei due mesi di trattativa per far cadere Casto ha mai avuto modo di capire se Mancini avesse avuto dei ripensamenti visto che stava per mandare a casa un Sindaco eletto da quasi 15 mila elettori?”, dichiara “non ha mai avuto dubbi”.
  • “quello che dico è la verità vera. E d’altra parte ho screenshot a sufficienza tra me e Daniele Mancini relativo a quel periodo che confermano quello che dico. Non conviene continuare a darmi del bugiardo”.

E’ chiarissimo a questo punto che mentre per Claudio Dell’Uomo, all’epoca dei fatti consigliere di opposizione, c’è una giustificazione politica nel tramare per far cadere la maggioranza, riteniamo il comportamento politico dell’ex assessore Daniele Mancini, un insulto e un tradimento al voto popolare del 2016 nella città di Nettuno. Vogliamo quindi ringraziarlo ancora una volta per aver mandato a casa i sogni del cambiamento di questa meravigliosa Nettuno. Una domanda a questo punto vorremmo farla noi ad almeno uno o due dei quattro ex consiglieri di maggioranza del M5S: “voi avete creduto veramente al fantomatico preventivo mai mostrato e per il quale siete andati dal Notaio, decretando la fine di una legislatura che stava finalmente lavorando per la città di Nettuno?”. Confidiamo nel fatto che il tempo sistemerà tutto e tutti! Noi abbiamo sempre agito con eticità, coscienza e soprattutto forte senso di responsabilità ed impegno.

Gli ex consiglieri comunali  del Movimento 5 Stelle di Nettuno Roberto Lucci, Sara Bonamano, Donato Gallina, Laura Pizzotti, Gianluca Latini, Diego Tortis, Eleonora Trulli, Katia Ricci.