CONDIVIDI
Carabinieri

Non si era rassegnata del fatto che alcuni mesi fa quella ragazzina le aveva portato via il fidanzato. E per questo una diciassettenne di Anzio ha covato vendetta. Fino al punto di tendere un vero e proprio agguato alla rivale sedicenne coinvolgendo una decina di amiche, la maggior parte delle quali minorenni. Ieri sera la diciassettenne ha dato appuntamento alla rivale, spiegandole che dovevano vedersi per un chiarimento. Ignara del piano orchestrato per aggredirla, la vittima si è presentata all’appuntamento in via Mimma Pollastrini, in pieno centro cittadino. Ad attenderla non c’era solo la rivale, ma anche alcune sue amiche. La sedicenne ha capito subito che l’appuntamento era solo un pretesto della rivale per vendicarsi del fatto che le aveva portato via il fidanzato: la vittima è stata quindi affrontata dalla rivale spalleggiata da una decina di amiche che hanno iniziato ad aggredirla. Nella concitazione di quel momento la sedicenne ha però avuto la prontezza di riflessi di avvertire al telefono la madre. Mentre si stava consumando l’aggressione, la donna si è quindi recata in via Mimma Pollastrini riuscendo a fare scudo alla figlia; negli stessi istanti sono provvidenzialmente intervenuti anche gli equipaggi di due auto del Nucleo radiomobile della Compagnia carabinieri di Anzio impegnati nel servizio di controllo nella zona del centro di Anzio. I militari sono riusciti quindi a dividere le litiganti, che sono state tutte identificate. Sulla vicenda non è stata sporta denuncia.