Home Cronaca Nettuno, emergenza Covid-19: l’opposizione chiede l’istituzione di un fondo per le attività...

Nettuno, emergenza Covid-19: l’opposizione chiede l’istituzione di un fondo per le attività e le famiglie in difficoltà

191
0
Comune Nettuno

Parte dell’opposizione in consiglio comunale a Nettuno proporrà
nella Commissione consiliare bilancio convocata per domani alla
maggioranza di centrodestra un emendamento di modifica al
bilancio di previsione per andare incontro alle necessità delle
attività e dei cittadini che sono in grosse difficoltà. L’iniziativa è
dei consiglieri Roberto Alicandri, Enrica Vaccari, Simona
Sanetti, Antonio Taurelli, Waldemaro Marchiafava, Daniele
Mancini e Marco Federici.
Proporremo infatti di decrementare totalmente i capitoli di
spesa dei settori sport, spettacolo, turismo, politiche agricole ed
europee – spiegano in una nota – per creare uno specifico fondo
per emergenze covid da mettere in carico all’assessorato al
bilancio. Mai come ora infatti il comune deve avere pronto un
capitolo di spesa per andare incontro alle necessità dei cittadini
in modo veloce ed efficace. Siamo certi che la nostra proposta
avrà un ampio consenso perché chi vuole bene alla città e la vive
tutti i giorni ha ben presente il dramma che stanno vivendo tanti
nostri concittadini. Certo – continuano – ciò porterà a vivere un
periodo natalizio più austero ma con realismo e con l’aiuto di
tutti sono certo che ce la faremo anche questa volta. Ognuno di
noi deve fare la sua parte e noi intendiamo farla cercando il più
ampio consenso politico possibile. Oggi l’;emergenza covid non ci
consente di pensare ad altro che non siano le necessità primarie e
tutto il resto deve quindi passare in secondo piano. In questa
ottica – concludono i consiglieri – abbiamo anche sottoposto al
sindaco la necessità di creare un piano di emergenza da attuarsi
anche nei casi in cui famiglie con figli minori o disabili a carico o
anziani non autosufficienti si trovassero dall’oggi al domani, a
causa di ricoveri per questa terribile malattia, senza la solidità
familiare necessaria alle normali attività di tutti i giorni e
speriamo che la giunta quindi agisca al più presto in questa
ottica mediante una delibera di indirizzo specifica. In questi
momenti dobbiamo essere previdenti e non si può lasciare nulla
al caso o all’improvvisazione”.