Home Cronaca Nettuno, l’aggressione all’assessore Marco Roda e il silenzio assordante e omertoso della...

Nettuno, l’aggressione all’assessore Marco Roda e il silenzio assordante e omertoso della politica locale

332
0
CONDIVIDI

Se la notizia non l’avessimo pubblicata noi del Granchio – unici a farlo – a 24 ore dall’episodio, nessuno l’avrebbe pubblicata e l’aggressione all’assessore Marco Roda della Lega non sarebbe mai diventata notizia. E’ invece molto grave l’aggressione subita venerdì scorso dall’assessore alle Politiche agricole e comunitarie del comune di Nettuno che certifica un clima politico ormai fuori controllo. Ma ancora più grave e sconcertante è l’indifferenza e l’assenza della politica pronta a inviare comunicati stampa a ogni batter di ciglia. Davanti al grave episodio di un assessore preso per il collo e sbattuto sul cofano di una macchina in pieno centro cittadino e davanti a decine di testimoni, nessuna presa di posizione, nessuna parola di solidarietà. Solo i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle e il Coordinamento antimafia Anzio/Nettuno hanno espresso la loro vicinanza all’assessore Roda. Gli altri partiti di minoranza hanno diramato un comunicato nel quale decidono di sospendere l’attività politica, ma non hanno speso una parola per Roda. Per quanto riguarda i partiti di maggioranza, si segnala un solo post sulla pagina Facebook della Lega di Nettuno pubblicato quasi 24 ore dopo l’aggressione. Per il resto silenzio assoluto: né una nota del sindaco Alessandro Coppola, né degli altri partiti di maggioranza. Per due uova sbattute sulla macchina il consigliere di minoranza Daniele Mancini la rete era stata immediatamente invasa da post e da comunicati di solidarietà bipartisan, compreso lo “sdegno” del primo cittadino. Per l’aggressione a Roda nemmeno un post di due righe, visto che vanno tanto di moda. A più di 48 ore dall’aggressione all’assessore, la politica locale ha deciso di voltarsi dall’altra parte. Brutto segnale l’omertà. Proprio brutto.