CONDIVIDI

Sulla ritardata riapertura delle scuole a Nettuno pubblichiamo l’intervento di una insegnante di scuola primaria che intende rispondere ad un posto pubblicato sulla pagina Facebook del Comune di Nettuno che aveva assicurato fosse tutto sotto controllo per la ripresa dell’anno scolastico il 14 Settembre poi posticipato dal comune al 28.

Sono Maria Teresa De Franceschi, insegnante di scuola primaria dell’Istituto Comprensivo NETTUNO IV, e vorrei esprimere le mie perplessità riguardo quanto è riportato nel post pubblicato nella pagina Facebook del Comune di Nettuno nel seguente punto: “….Per quanto riguarda gli istituti Comprensivi nelle scorse settimane gli uffici preposti hanno effettuato tutti gli interventi necessari per consentire l’apertura nei termini previsti alla regione Lazio e in questo senso….” …. per quanto riguarda l’istituto in cui lavoro da molti anni non è stato fatto nulla del poco che avevamo richiesto per poter iniziare l’anno scolastico regolarmente il 14 settembre.
Avevamo chiesto:
– l’abbattimento di due tramezzi per poter avere due grandi aule che potessero accogliere due classi numerose. Abbiamo atteso diversi giorni prima che un responsabile degli uffici comunali facesse un sopralluogo… quando è venuto ha bussato sul muro, meravigliandosi che fosse un muro fatto di mattoni e non di foratini, e ha espresso la sua perplessità sulla possibilità di fare l’intervento di abbattimento che avrebbe richiesto molto lavoro, ci ha lasciato in sospeso dicendo che sarebbe stato necessario il sopralluogo di un tecnico per verificare la fattibilità dei lavori…cosa che non si è verificata; pertanto siamo passati al piano B per poter ospitare in sicurezza i bambini. Abbiamo richiesto al Ministero dei docenti in più per poter separare in gruppi di lavoro le classi più numerose.
– Abbiamo chiesto la realizzazione di una pensilina nel cortile interno alle sezioni di scuola dell’infanzia in modo che i piccolini potessero giocare all’esterno riparati dal sole e in sicurezza.
– Abbiamo chiesto la possibilità di avere in locazione 3 aule che potessero ospitare il corso ad indirizzo musicale della nostra scuola secondaria di primo grado.
– Abbiamo chiesto il posizionamento di un prefabbricato da posizionare al centro del cortile interno che potesse ospitare i piccoli alunni della sezione C della scuola dell’infanzia che occupavano una piccola aula, in modo da poter soddisfare le richieste di iscrizione di diversi genitori che invece erano stati inseriti nella nostra lista da attesa.
La nostra Dirigente era stata rassicurata riguardo la possibilità di avere in locazione le 3 aule per ospitare la sezione C ad indirizzo musicale, e con questa sicurezza ci siamo attivati per trovare un locale all’interno dell’istituto che potesse ospitare i piccolini della sezione C, spostando una classe V di scuola primaria al secondo piano in un locale libero della scuola secondaria.
Ma giovedì durante la riunione tenuta dal Sindaco con i Dirigenti Scolastici ci è stato comunicato quanto segue:
le aule promesse erano state assegnate ad un altro istituto,
la pensilina promessa per la scuola dell’infanzia forse si farà a gennaio, mentre per il posizionamento del prefabbricato i tempi sono lunghi.
Detto ciò, vorrei informare tutte le famiglie che ci hanno dato fiducia iscrivendo i loro figli nel nostro Istituto, che se l’Ente Locale ci avesse assegnato le 3 aule esterne promesse, avremmo lavorato il sabato e la domenica, per poter accogliere i vostri bambini/ragazzi lunedì 14 settembre.
Però dopo la doccia fredda che ci è caduta addosso giovedì pomeriggio, dobbiamo riorganizzare gli spazi di tutto l’istituto per accogliere i nostri alunni. Scusate lo sfogo… ma dopo aver letto quanto sopra scritto dal Sindaco e dall’Amministrazione Locale… dove si evince che lo slittamento dell’avvio dell’anno scolastico è stato deciso in quanto gli Istituti ancora non erano pronti per cominciare… dopo aver lavorato un’estate intera in qualità di collaboratore del Dirigente Scolastico per studiare tutte le soluzioni possibili per avviare l’a.s. in sicurezza… mi è caduto il mondo addosso… e mi chiedo:
“Gli uffici preposti quali interventi hanno fatto all’Istituto Comprensivo NETTUNO IV per consentirne l’apertura nei termini previsti dalla regione Lazio???
Resto in attesa di smentite da parte dell’Amministrazione Locale.