Home Cronaca Anzio, biogas: firmata determina per il conferimento di rifiuti biodegradabili all’impianto della...

Anzio, biogas: firmata determina per il conferimento di rifiuti biodegradabili all’impianto della Spadellata

128
0
CONDIVIDI
biogas
Bergami IMMOBILIARE
Sul conferimento dei rifiuti biodegradabili alla centrale biogas di via della Spadallata gestito dalla società Anziobiowaste srl, il comune tira dritto. Con determina del 14 maggio firmata dal funzionario Walter Dell’Accio, nuovo responsabile dell’Unità operativa Ambiente e sanità, l’amministrazione comunale ha infatti definitivamente aperto una linea di credito con la società Anziobiowaste srl impegnando 39 mila euro sul bilancio comunale che serviranno per un breve periodo a coprire le spese (110 euro a tonnellata Iva compresa) di smaltimento dei rifiuti organici biodegradabili provenienti da cucine e mense. Nella determina il funzionario comunale prende atto dell’ordinanza con la quale il sindaco Candido De Angelis, per emergenza sanitaria, aveva autorizzato a fine aprile il conferimento di rifiuti organici biodegradabili presso l’impianto di via della Spadellata della società Anziobiowaste srl. Il sindaco firmò l’ordinanza dopo che la gara d’appalto – per altro vinta dalla stessa Anziobiowaste srl, ma con dei dubbi sulla procedura – era stata revocata in autotutela dall’allora dirigente dell’Area Ambiente Angela Santaniello che poi aveva rassegnato le dimissioni. Contestualmente a quelle dimissioni, il 23 aprile De Angelis aveva firmato l’ordinanza urgente per il conferimento dei biodegradabili alla centrale biogas di Anziobiowaste srl. Al nostro giornale la scorsa settimana il sindaco aveva assicurato l’avvio della procedura per una nuova gara d’appalto. E invece è arrivata la determina del funzionario con la quale il Comune dirotta i rifiuti biodegradabili alla centrale biogas di Anziobiowaste srl  impegnando una spesa di 39 mila euro. Il Comune sta ora lavorando ad una convenzione con la stessa società, una linea che sta trovando ostacoli nella maggioranza. Quello che era l’impianto nemico della politica anziate, tanto nemico non doveva essere.