Home Cronaca Torna ‘I Luoghi del Cuore’ del FAI: il ‘Paradiso sul mare’ e...

Torna ‘I Luoghi del Cuore’ del FAI: il ‘Paradiso sul mare’ e ‘Il Castello di Torre Astura’ tra le bellezze da salvare con un clic

801
0

Ognuno di noi è emotivamente legato a luoghi unici che rappresentano una parte importante della nostra vita e che vorremmo fossero protetti per sempre“. E’ l’incipit sulla home page del sito I Luoghi del cuore, il censimento dei luoghi da non dimenticare e salvare giunto quest’anno alla sua decima edizione. Tra i posti da recuperare anche due bellezze di Anzio e Nettuno: il Paradiso sul mare e il Castello di Torre Astura. Per votare questi due luoghi c’è tempo fino al 15 dicembre. Come spiega il Fondo Ambiente Italiano, promotore dell’iniziativa, è possibile votare più luoghi, ma per ognuno si può esprimere solo un voto.

IL PARADISO SUL MARE –

L’edificio, nato come Kursaal Polli ma ben presto identificato con il più suggestivo appellativo di “Paradiso sul Mare” a causa della sua scenografica posizione affacciata sul Tirreno, fu progettato nel dall’architetto Bazzani per conto dell’imprenditore e sindaco di Anzio, Giuseppe Polli, per divenire sede di importanti eventi mondani quali sfilate di moda, convegni, mostre e perfino casa da gioco. Nel corso degli anni il Paradiso è stato al centro della vita cittadina ospitando via via concerti, esposizioni, consigli comunali e perfino una sala da ballo rimasta nella memoria dei ragazzi che negli anni Sessanta adoravano frequentare il Momus. Durante il conflitto mondiale fu utilizzato come sede dal comando alleato dopo lo sbarco avvenuto nel gennaio 1944 e negli anni ’60 scelto dal cinema per ambientarvi film come Amarcord di Federico Fellini e Polvere di stelle di Alberto Sordi. Nel 1968 l’edificio venne preso in gestione dalla Provincia di Roma e adibito parzialmente a scuola e convitto dell’Istituto professionale di Stato per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione. A causa del progressivo degrado in cui versa l’edificio, nel 2015 l’uso del bene è stato interdetto agli studenti; da febbraio 2016 la gestione del bene, chiuso e inutilizzato, è tornata al Comune di Anzio. Il decadimento strutturale impone urgenti e consistenti lavori di recupero con oneri difficilmente sostenibili dalle casse comunali.

Per votare il Paradiso sul mare si può cliccare il seguente link.

IL CASTELLO DI TORRE ASTURA –

Torre Astura è una torre costiera fortificata e un’isoletta nel territorio di Nettuno, a circa dieci km a sud est dal centro abitato. Il territorio di Torre Astura è oggi compreso all’interno dell’Ufficio Tecnico Territoriale Armamenti Terrestri del Ministero della Difesa, già noto come Poligono Militare di Nettuno. Si sviluppa per circa 8 chilometri lungo la costa tirrenica all’interno dell’area comunale. Il paesaggio è per la maggior parte pianeggiante, con tratti di vegetazione bassa a erbe e cespugli di macchia mediterranea (mantenute così dai militari, per le loro esercitazioni) e tratti boschivi caratterizzati da boschi misti a caducifoglie.

Nella zona che la circonda si trova una pineta dove scorre il fiume Astura. Nel 1426, dopo essere stato feudo dei Caetani e degli Orsini, passò sotto i Colonna, i quali ristrutturarono il castello, dandogli l’attuale aspetto, e lo vendettero nel 1594 a Clemente VIII Aldobrandini. Da questi, finita la famiglia Aldobrandini, passò ai Borghese, dai quali fu ceduta al comune di Nettuno negli anni settanta.

Per votare il Castello di Torre Astura cliccare il seguente link.