SHARE
accessi impropri

Sei ore per avere la risposta di un esame radiografico al pronto soccorso dell’ospedale “Riuniti” di Anzio. E’ la disavventura ad una donna di 76 anni che la scorsa notte era caduta da una poltroncina in casa battendo il costato. Al mattino, considerato che il dolore persisteva, il marito ha deciso di accompagnarla al pronto soccorso dell’ospedale di Anzio dove è arrivata intorno alle 8 ed è stata registrata in entrata pochi minuti prima delle 9. Poco dopo è stata fatta entrare al pronto soccorso dove i medici hanno deciso di sottoporla ad esame radiografico per capire l’entità del trauma subito nella caduta.

Da questo momento sono passate ore interminabili fino a quando, poco dopo le 14, il marito della donna ha chiesto di sapere come mai ci volesse così tanto tempo per avere la risposta. “E solo dietro le mie forti e insistenti rimostranze – spiega il signore – è arrivata la risposta che confermava una contusione al costato. Capisco che il lavoro del pronto soccorso, soprattutto d’estate, è impegnativo e lo rispetto, ma attendere quasi sette ore per la risposta ad una radiografia mi è sembrato obiettivamente troppo”. Per la cronaca, la signora ha lasciato il pronto soccorso dell’ospedale di Anzio alle 15,06.