Home In evidenza Anzio, Conferenza della sanità. Il vicesindaco Fontana: “Riattivare la sala operatoria per...

Anzio, Conferenza della sanità. Il vicesindaco Fontana: “Riattivare la sala operatoria per la Senologia”

21
0
SHARE
ospedale riuniti

E’ stata votata all’unanimità la proposta di revisione dell’Atto aziendale della Asl Roma 6 nel corso della Conferenza dei Sindaci sulla Sanità che si è tenuta ieri nella sala consiliare del Comune di Pomezia. Presenti il Direttore generale della Asl Roma 6, Narciso Mostarda, il Direttore sanitario e il Direttore amministrativo della Asl Roma 6, il Sindaco di Pomezia e Presidente della Conferenza Adriano Zuccalà, i sindaci e i delegati dei comuni di Ariccia, Albano, Lariano, Ardea, Velletri, Nettuno, Anzio, Frascati, Castelgandolfo, Nemi. Per quel che riguarda Anzio e Nettuno, l’Azienda ha dichiarato di essere in in procinto di effettuare una ristrutturazione degli impianti e di acquistare una risonanza magnetica.

L’operazione avrà un costo di oltre 4 milioni di euro. Grazie a un ulteriore finanziamento sarà possibile completare la messa a norma del Punto nascita e del reparto di Medicina.

Alla Conferenza in rappresentanza del sindaco hanno partecipato il vicesindaco Danilo Fontana e la dirigente Angela Santaniello. In particolare Fontana ha ribadito la necessità “di riattivare, in tempi brevi, la sala operatoria per il reparto di Senologia dell’ospedale Riuniti Anzio-Nettuno, che vede gli interventi chirurgici interrotti da marzo 2018. Senologia, grazie alla professionalità del direttore della U.O.C. di Chirurgia Generale Carlo Cascone ed ad un’equipe di personale medico, paramedico, infermieristico, radiologico di altissimo livello, è un’eccellenza del Riuniti ed è un punto di riferimento, di valore assoluto, per le Donne di Anzio e Nettuno; non si tratta della perdita della possibilità di operarsi vicino casa, ma soprattutto la perdita di una chirurgia di ottimo livello”.

“Rispetto a questa delicata patologia tumorale – prosegue il Vicesindaco Fontana – necessitano maggiori accessi alle sale operatorie, in quanto le donne andrebbero operate entro un mese dalla diagnosi. Ad Anzio ci sono le professionalità per seguire l’intero iter di queste pazienti oncologiche: valutazione radiologica, oncologica, chirurgica e anatomo-patologica”.

Al termine della Conferenza locale della sanità il direttore generale ASL Roma 6 ha assunto l’impegno di valutare nuovamente la possibile riattivazione, presso il Riuniti, della sala operatoria senologica. “Inoltre abbiamo ottenuto rassicurazioni rispetto agli impegni assunti dall’ASL, con il Sindaco De Angelis, per il potenziamento del nostro ospedale“.