FInanza

C’è anche un residente ad Anzio tra i tre pregiudicati ritenuti affiliati alla ‘ndrangheta inseriti o gravitanti nell’orbita della ‘ndrina “Bellocco”, arrestati oggi dai finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Bologna, in collaborazione con i colleghi del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata e l’ausilio dei Comandi Provinciali di Ravenna, Reggio Calabria e di Roma. I tre, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, sarebbero responsabili di un episodio di estorsione maturato e consumato in un contesto di malavita organizzata sul territorio emiliano-romagnolo. In particolare, gli specialisti del G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bologna hanno dato esecuzione a  un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Bologna Gianluca Petragnani Gelosi, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nella persona del Procuratore Aggiunto Francesco Caleca, nei confronti di F.B. classe 1983 residente a Siderno, C.F. domiciliato in Anzio e L.C. , classe 1967 residente a Massa Lombarda. Finiti in carcere nell’ambtio dell’operazione “Scramble” che ha tratto origine dalle dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia Nicola Femia, condannato per associazione mafiosa a seguito della storica sentenza emessa dal Tribunale di Bologna il 22 febbraio 2017 che lo ha ritenuto capo e promotore di un’associazione di stampo mafioso operante nel settore del gioco illegale. Il Femia, in partucolare, aveva riferito di comportamenti delittuosi, in particolare di natura estorsiva, posti in essere da alcuni soggetti di origine calabrese attivi sul territorio emiliano-romagnolo e riconducibili alla ‘ndrina dei Bellocco di Rosarno, una delle consorterie criminali più antiche, pericolose e potenti del la ‘Ndrangheta reggina, con importanti ramificazioni in Emilia Romagna e nel nord Italia, attiva in diversi settori illeciti, primi fra tutti quelli del narcotraffico, delle estorsioni e del controllo delle attività commerciali e imprenditoriali.
La vicenda originaria risale al gennaio 2011, allorquando l’attuale collaboratore di giustizia riceveva le prime richieste estorsive collegate alla gestione di una sala scommesse da costui diretta a Roma. Le successive vicende giudiziarie, che avevano coinvolto in tempi diversi ed a vario titolo sia gli estorsori che l’estorto, avevano fatto registrare delle battute di arresto nelle indebite pretese di denaro“. Successivamente, tra la fine del 2015 e l’inizio del 2016, nonostante il Femia fosse in carcere, anche a seguito del suo arresto intervenuto con l’operazione “Black Monkey” del G.I.C.O. di Bologna, le richieste illecite, per un ammontare di 250mila euro, sono riprese nei confronti dei suoi figli, residenti in provincia di Ravenna fino ad arrivare al novembre del 2016 quando le minacce rivolte nei confronti di costoro, direttamente presso le loro abitazioni in Conselice non li convinsero a pagare in tre soluzioni 50mila euro. L’attività investigativa, anche di natura tecnica, svolta anche avvalendosi dei filmati delle telecamere di sorveglianza installate presso il municipio del comune ravvenate come scrive il GIP nell’ordinanza, “ha permesso di riscostruire e riscontrare analiticamente la vicenda estorsiva che ha visto coinvolti a Conselice, da un lato, come parti offese, i figli del noto boss Nicola Femia e dall’altro, nella veste di autori del delitto estorsivo, gli odierni indagati inseriti o gravitanti nell’orbita della ‘ndrina “Bellocco”, comunque avvalendosi della forza intimidatrice derivante dal gruppo criminale di stampo ‘ndranghetista“.
Contestualmente all’esecuzione del provvedimento cautelare sono state eseguite perquisizioni a Conselice e Massa Lombarda in Provincia di Ravenna, Siderno, Rosarno e Palmi in Provincia di Reggio Calabria e ad Anzio.